venerdì, Giugno 14, 2024
Cronaca

Tutti i vescovi della Puglia scelgono don Pasquale come delegato Caritas

marchiodoc_don-pasquale-cotugno

Dopo aver richiesto la disponibilità di Mons. Fabio Ciollaro e aver ottenuto la disponibilità anche dal diretto interessato, la Conferenza Episcopale Pugliese, riunita in assemblea ordinaria lo scorso 4 giugno a Conversano, ha indicato don Pasquale Cotugno come nuovo delegato Regionale Caritas. Don Pasquale, 50 anni di Cerignola, è stato ordinato presbitero il 13 Aprile 2002.

È stato direttore Caritas dal 2001 al 2009, di seguito è stato anche direttore dell’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro, Referente del Presidio di Libera, nomi e numeri contro le mafie per diversi anni e dal 2019 ad oggi dirige la Caritas Diocesana. Attento da sempre a tutte le forme di povertà e di esclusione sociale del nostro territorio diocesano, da quelle materiali a quelle educative, con la promozione di progettualità attente al recupero e integrazione di bambini e adolescenti attraverso la creazione di centri educativi, così come al contrasto al caporalato e ai temi legati alla giustizia e al mondo carcerario.

Da storico obiettore di coscienza, ha sempre promosso i valori della pace e della nonviolenza tra i giovani attraverso vari percorsi di formazione e progetti di servizio civile.

“Sono Grato della fiducia e della stima sia dei vescovi pugliesi, dichiara don Pasquale, che degli altri direttori Caritas della Puglia. In comunione con tutti loro porteremo avanti lo stile e la progettualità del nostro cammino regionale. Per questo ringrazio don Alessandro Mayer, attualmente direttore della Caritas diocesana di Oria, che mi ha preceduto in questo incarico e per la fiducia mostrata nei miei confronti affidandomi, durante il suo mandato, l’oneroso impegno regionale di accompagnare le diocesi pugliesi nell’ambito della formazione. Insieme a tutti i direttori e secondo gli orientamenti indicati da Caritas Italiana, individueremo, attraverso il nascente Osservatorio delle Povertà e delle Risorse, nuove frontiere che ci vedrà sempre in prima linea come Caritas”.



0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Commenta questo articolox