martedì, Giugno 18, 2024
Politica

Interdittiva alle Tre Fiammelle, scontro tra maggioranza e opposizione

marchiodoc_cerignola comune 13

Interdittiva antimafia per la ditta Tre Fiammelle di Foggia, che cura la manutenzione e l’efficientamento energetico in diversi comuni campani e pugliesi. Con la interdittiva antimafia si certifica l’esclusione di una ditta dalla lista degli operatori affidabili per enti pubblici.

“Tale cooperativa – ha spiegato il sindaco di Cerignola, Francesco Bonito- ha rapporti con il Comune di Cerignola per la manutenzione e l’efficientamento energetico a servizio di enti pubblici comunali. La comunicazione a me inviata è stata altresì trasmessa in primo luogo alla Commissione Prefettizia straordinaria di Foggia e, a seguire, ad altri 8 sindaci di Città pugliesi, beneventane, napoletane e salernitane. La mia Amministrazione è pertanto estranea alla individuazione di quella cooperativa per i servizi che ha poi reso e per i quali era stata da noi invitata ad una significativa riduzione dei compensi a suo tempo pattuiti (nel 2018 sotto la gestione Metta e mantenuti dalla Commissione Straordinaria)”.

“Su tali premesse – rimarca Bonito- respingo categoricamente ogni insinuazione relativa alla trasparenza dei miei comportamenti e di quelli della mia Amministrazione, sottolineando l’infima qualità delle censure maldestramente sviluppate da qualche gruppo di opposizione”.

In questa ottica era stato il gruppo Noi a insinuare dubbi sull’operato dell’amministrazione: “Un’azienda affidataria di più e più lavori pubblici su diverse strutture comunali che viene oggi interdetta per Mafia…Insomma, intrecci, misteri, omissioni, silenzi, opacità…Altro che luci e fari…l’attuale amministrazione pare un cruciverba fatto al buio”.


0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Commenta questo articolox