Auto a pezzi e jammer in un capannone: nei guai un cerignolano





I Carabinieri della Stazione di Cerignola, nel quadro delle attività volte a contrastare i fenomeni di ricettazione e riciclaggio di parti di veicoli rubati, mercoledì scorso hanno proceduto al controllo di un capannone alla periferia dell’abitato, ritenendo che vi potessero essere condotte attività illecite in tale ambito. Una volta entrati, i militari hanno subito notato parti della carrozzeria di una Opel Corsa, per cui hanno richiesto al conduttore del capannone la documentazione che ne provasse la provenienza. Gli esiti del controllo documentale non hanno però convinto i Carabinieri che, approfondendo con accertamenti sui singoli pezzi e attraverso la consultazione di specifiche banche dati, sono risaliti alla provenienza furtiva dell’auto, risultata rubata a Foggia appena lo scorso 17 settembre.

La prosecuzione dell’attività ispettiva ha poi consentito di rinvenire e sequestrare nello stesso immobile anche un potente disturbatore di frequenze tipo “jammer”, un apparecchio che viene ormai frequentemente utilizzato anche nei furti di autovetture in quanto ne inibisce eventuali dispositivi GPS atti a segnalare la posizione del veicolo per il suo rintraccio da parte delle Forze dell’Ordine.

Il conduttore del capannone, un 40enne del luogo con precedenti specifici, è stato quindi denunciato per la commissione del reato di ricettazione, reato che prevede pene piuttosto severe, perché volte a scoraggiare le condotte criminali conseguenti ai furti, fenomeno che presenta una incidenza formidabile nell’area cerignolana e che vede massivamente impiegati i militari dell’Arma nella conseguente azione di contrasto.





0 0 vote
Article Rating
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Claudio
22 giorni fa

Oramai è un fenomeno giornaliero , possiamo parlare di malattia cronica che nessun farmaco al mondo riuscirà a sconfiggere. Oserei dire che è peggio del Covid.
Servono menti sopraffine per sconfiggere tale fenomeno ; e leggi speciali che nessuna classe politica è in grado di varare e applicare. Insomma dobbiamo conviverci.
A meno che non ci sia un sussulto di orgoglio nazionale popolare
Ma questa è Utopia, non avverrà nessun cambiamento e la città seguirà il suo inesorabile destino verso il declino sociale culturale ecc…ecc…ecc… Il resto sono solo parole chiacchiere ecc… ecc… Amen

error: Marchiodoc.it ®
1
0
Commenta questo articolox
()
x