Nuove modifiche ai sensi di marcia, il PD rilancia il referendum

A seguito della continua analisi e studio effettuati al termine della prima settimana sperimentale della Zona a Traffico Limitato, l’amministrazione anticipa quanto sarà  riportato nell’ordinanza sindacale e informa la cittadinanza che sono stati effettuati altri interventi migliorativi per consentire una maggiore fluidità  del traffico veicolare nella zona compresa tra via Venezia e Piazza Firenze.

Gli interventi in oggetto hanno lo scopo di aumentare e migliorare i collegamenti tra i due rioni che si affacciano alla ZTL e di facilitare il transito veicolare all’interno dei rioni stessi.

Le modifiche apportate sono:

• Inversione del senso di marcia di Via Trento per collegare Via Venezia a Corso A. Moro;

• Inversione del senso di marcia di Via Palestro per collegare Corso A. Moro a Piazza Firenze;

• Inversione del senso di marcia di Via Magenta per collegare Via XX Settembre a Via Palestro;

• Inversione del senso di marcia di Via D’Agostino per collegare Via Palestro a Via XX Settembre;

• Corso A. Moro con riduzione della carreggiata a massimo m. 5,00 da Via Trento/Via Palestro a Via G.Falcone/Via P.Borsellino

IL PD risponde costituendo il Comitato “”NO ZTL Cerignola””: “”nasce dall’esigenza di liberi cittadini di associarsi per manifestare il proprio dissenso rispetto agli scriteriati cambiamenti apportati alla viabilità  urbana, dall’amministrazione comunale, a seguito dell’attivazione di questa ZTL. Non è la ZTL in sè che crea scompiglio, ma la assoluta approssimazione con la quale è stata concepita ed attuata da questa amministrazione. Le ordinanze con le quali il Sindaco, a suon di lamentele e suppliche dei cittadini e commercianti, apporta modifica al piano della viabilità  ne sono la prova. I cittadini hanno un solo democratico strumento per esprimere il proprio punto di vista e chiedere modifiche ed è il Referendum. Occorrono 2500 firme per disporre di questo strumento””.

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x