CD si genuflette a Metta per la Presidenza del Consiglio: “”Rimaniamo nel gruppo unico””

E’ bastata una minaccia: Se non aderite al Gruppo Unico siete fuori dalla maggioranza per far rigare dritto Pezzano &Co che, dopo aver contestato la scelta di Delvino, si sono allineati strozzando ogni protesta.

 
Anche perchè la poltrona della Presidenza del Consiglio è ancora in ballo e Metta avrebbe potuto dirottarla su altri componenti della maggioranza e non su Leonardo Paparella, rivedendo gli accordi pre-elettorali se Cerignola Democratica fosse uscita dal Gruppo Unico. A parlare dell’ipotesi scissione, proprio ieri, sono stati Leonardo Paparella e Rino Pezzano che, descrivendo la situazione interna al loro movimento, hanno fatto sapere di rimandare a venerdì ogni decisione sulla permanenza nel gruppo unico. Il presidente Rosati li bacchetta: Alla luce delle recenti ed inesatte notizie diffuse, in qualità  di presidente di Cerignola Democratica sento il dovere di ribadire con forza la piena partecipazione del movimento che ho l’onore di guidare al progetto politico della Coalizione del Cambiamento. Progetto che abbiamo contribuito a far nascere e del quale ci sentiamo componente importante, leale ed attiva.
I mal di pancia erano nati per la nomina di Delvino e per il curriculum super-chiacchierato (farcito di inchieste e arresti) del nuovo comandante dei vigili urbani: Inopportuno, avevano tuonato lunedì nella sede di CD paventando la scissione (solo formale) dei gruppi consiliare pur garantendo l’appoggio incondizionato alla giunta Metta. Invece l’avvocato ha spento ogni dissenso, ha stanato Pezzano (Paparella si era già  detto contrario) e indebolito Cerignola Democratica in cambio della Presidenza della Consiglio, che nel primo consiglio utile, quindi, andrà  a Leonardo Paparella. Metta ne esce rinforzato, tanto che quasi sadicamente, incalza nella difesa cieca e appassionata di Delvino che ha mandato in tilt Cerignola democratica: Vendola a processo. Delvino a processo. Per me pari sono: innocenti fino a sentenza definitiva di condanna. Dite al Vietcong di raccogliere le firme contro Vendola, non contro Delvino. Dunque, Capolavoro di Metta: isola Pezzano, annulla la credibilità  di Cerignola Democratica, e concede la presidenza a Paparella (che già  era di Paparella). E CD, da parte sua, incassa: Assumendomi la responsabilità  del ruolo ricoperto ed accolta la decisione unanime di Cd, colgo l’occasione, inoltre, per confermare l’adesione di CD al Gruppo Consiliare unico di maggioranza e la disponibilità  dei nostri Consiglieri Comunali, Rino Pezzano e Leonardo Paparella, a partecipare al costituendo Gruppo con il ruolo che lo stesso vorrà  affidargli, rimarca Rosati.Cerignola Democratica era, è e rimarrà  sempre fedele alla realizzazione del suo progetto politico ed all’attuazione del programma della Coalizione del Cambiamento; obiettivo che il normale confronto e la fisiologica dialettica politica non scalfiscono, bensì rafforzano. Con l’auspicio di aver chiarito qualsivoglia dubbio e chiuso definitivamente la questione, a nome di tutti i suoi componenti di CD rinnovo la piena fiducia nei confronti dell’Amministrazione Comunale e segnatamente nei confronti del Sindaco Franco Metta, evidenziando e condividendo l’egregio lavoro sin qui profuso, conclude Franco Rosati.
 
 
 

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x