Nozze Gay, l’Europa boccia Italia: riconosca coppie omosessuali

La Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Italia per aver violato i diritti di tre coppie omosessuali. A fare ricorso è stato un gruppo di persone guidate da Enrico Oliari, presidente dell’associazione nazionale dei gay liberali e di centrodestra (Gaylib).

 
La Corte ha considerato, si legge in una nota, che la tutela legale attualmente disponibile in Italia per le coppie omosessuali non solo fallisce nel provvedere ai bisogni chiave di due persone impegnate in una relazione stabile, ma non è nemmeno sufficientemente affidabile.

Secondo i giudici, l’Italia ha violato l’articolo 8 “ il diritto al rispetto per la vita privata e familiare “ della convenzione europea dei diritti umani. Il giudizio è stato emesso all’unanimità . Il primo caso riguarda una coppia che ha chiesto al Comune di Trento nel 2008 che fosse istituita la possibilità  anche per loro di sposarsi. Dopo il rifiuto si sono rivolti al tribunale che però aveva respinto la loro richiesta. A quel punto si sono rivolti alla Corte costituzionale che però ha stabilito il loro quesito inammissibile nel 2010. Simile le vicende delle altre due coppie, i cui ricorsi ai vari gradi di giudizio italiani sono stati tutti respinti.

In Italia non c’è una legge che riconosca le unioni dello stesso sesso. Il Parlamento sta discutendo il ddl Cirinnà  tra le polemiche: dopo la prima approvazione da parte della commissione Giustizia, si attende che venga calendarizzato in Senato. Sabato 18 luglio il presidente del Consiglio Matteo Renzi davanti all’assemblea dei delegati Pd ha annunciato che l’approvazione arriverà  entro l’anno, anche se non mancano gli ostacoli. Secondo la Conferenza episcopale italiana: Le priorità  per il Paese sono altre. -da ilfattoquotidiano.it
 
 
 

 
 

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x