mercoledì, Giugno 19, 2024
Cronaca

“È un aborto”, ma i soccorritori salvano il bambino in extremis in ambulanza

“È un aborto”, ma i soccorritori salvano il bambino in extremis in ambulanza

La chiamata alla centrale operativa non lasciava presagire nulla di buono, anzi. L’intervento dei soccorritori del 118, però, questa mattina ha scongiurato il peggio permettendo che il bambino venisse alla luce senza problemi con un intervento salvavita avvenuto a bordo dell’ambulanza.

Accorsi a Stornara, allertati da una donna di 22 anni, la prima ambulanza (Victor) ha dovuto effettuare manovre rapide in attesa dell’ambulanza (Mike) medicalizzata. Il parto – che era iniziato autonomamente nell’appartamento di una 22enne residente a Stornara- è stato coordinato con la centrale operativa. Grazie all’intervento tempestivo delle equipe, quello che sembrava essere un aborto si è trasformato in una notizia felice. Il bambino, infatti, è nato proprio in ambulanza e ora, insieme alla mamma, si ritrova presso il reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale Tatarella di Cerignola dopo le cure urgenti sul posto.

L’intervento, durato in totale poco più di trenta minuti, ha interessato l’Ambulanza Victor con il soccorritore Vincenzo Iaccarino e l’autista-soccorritore Simone Montepeloso, e l’ambulanza Mike con il dottor Michele Dercole, l’infermiere Gianfranco Eronia, l’autista/soccorritore Gerardo Patruno e il soccorritore Domenico Rosati.  



0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Commenta questo articolox