mercoledì, Giugno 19, 2024
Politica

Netti: “Questo territorio ha bisogno di sicurezza e legalità”


«Ringrazio il nostro deputato Giandonato La Salandra per aver portato il tema della geografia giudiziaria in Capitanata sull’agenda del Governo Meloni. Questa provincia ha urgenza di contrastare la criminalità con presidi di giustizia operativi ed efficienti».

Il capogruppo consiliare di Fratelli d’Italia a Cerignola, Nicola Netti, commenta la risposta del sottosegretario alla Giustizia, Andrea Delmastro, alla interrogazione presentata dal deputato meloniano La Salandra, componente delle Commissioni Giustizia ed Antimafia a Montecitorio.

Il consigliere Netti nei mesi scorsi aveva anche presentato una interrogazione al sindaco di Cerignola per scongiurare la chiusura anche dell’Ufficio del Giudice di Pace, ultimo baluardo dopo la riforma Monti del 2013.

«Questo territorio ha bisogno di sicurezza e legalità – osserva Netti – . Grazie al prezioso interessamento del nostro deputato La Salandra, sappiamo che la terra della Quarta Mafia è nell’agenda del Governo, se il Ministero sta valutando la possibilità di riaprire i tribunali chiusi 10 anni fa. Una necessità per i nostri 61 Comuni che oggi gravano sul solo tribunale di Foggia, sempre più oberato e rallentato».

Un disegno di legge ad hoc già inserito nel Def e piante organiche flessibili distrettuali sono gli ingredienti per il contrasto ad una criminalità organizzata che fa registrare dati in ascesa nel circondario di Foggia.

«In una provincia così complessa anche morfologicamente, con collegamenti difficili – conclude Netti – , riattivare presidi di prossimità può essere un importante segnale di efficienza e legalità».


6 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Solo chiacchiere e distintivo. Questo siete!
11 mesi fa

3 minuti di pubblicità e basta.

via...
11 mesi fa

sono di destra, voto Fratelli d’Italia e mai PD sono alla mia morte ma questo territorio nemmeno 100 Lasalandra o 100 esponenti di sinistra potranno mai cambiare nemmeno scalfire.
Il sud, Cerignola nel ns caso non cambierà mai sino a quando il DNA non “muterà ” ed a giudicare dalle nuove generazioni non potrà che andare sempre peggio.
Chi può scappi.

Solo chiacchiere e distintivo. Questo siete!
11 mesi fa

E come curare un malato terminale con l’aspirina. Interrogazione per giudicedi pace? E per fare cosa? Ricorso sulle multe? Ed è questo il problema sicurezza a Cerignola? Tribunale per non gravare su quello di Foggia?E sono queste le misure per contrastare il malaffare e la delinquenza a Cerignola? Ci vuole ben altro, più forze dell’ordine, certezza della pena, più carceri per tenerli dentro e non ai domiciliari o a piede libero, pena più severe per i reati predatorii. Ma di cosa parliamo, questi pensano solo a farsi pubblicità con annunci inutili, Lasalandra è riuscito a fare una interrogazione parlamentare per… Leggi il resto »

Quello che nessuno dice
11 mesi fa

Cerignola senza il malaffare e la delinquenza sarebbe una città morta. Almeno il 50%della economia gira intorno ad essa. Pizzerie sempre piene, negozi di abbigliamento, feste, compleanni, diciotessimi, edilizia, case di lusso, arredamento ecc ecc sono tutti settori che creano un circuito che permette di dare lavoro ( precario) ad alcune migliaia di persone. È il prezzo da pagare, ma è mio pensiero . D’altronde se togliamo questi settori quali sono le opportunità di lavoro che offre questo territorio oltre all’agricoltura e qualche realtà industriale? Ma avete notato quati studi di avvocati ci sono a Cerignola? Come mai? È l’economia.

sei niente
11 mesi fa

ma netti chi e’? ve’ nanz u plaza a fe’ quatt’ pous…..pisciaturo

Kiss kiss
10 mesi fa
Reply to  sei niente

Di certo non è una persona anonima come te

6
0
Commenta questo articolox