venerdì, Aprile 19, 2024
Cronaca

Cerignola, 36 lavoratori in nero su 50 in una RSA (e 4 prendevano il Rdc)


Sono 36 i lavoratori impiegati in nero o irregolari scoperti dai finanzieri della Compagnia di Cerignola in una R.S.A. a seguito di un controllo finalizzato ad accertare il rispetto degli adempimenti fiscali ed in materia di lavoro. Le attività ispettive condotte dalle fiamme gialle hanno permesso di constatare numerose violazioni a carico della struttura socio-sanitaria della città del Tavoliere.

Dei circa 50 lavoratori impiegati, 21 sono risultati completamente “in nero”, di cui 4 percepivano anche il reddito di cittadinanza, e 15 irregolari in quanto sprovvisti di copertura assicurativa I.N.A.I.L.. I dipendenti in nero erano stati inquadrati come soci volontari e gli emolumenti loro corrisposti venivano documentati sotto forma di rimborsi spese.

Gli accertamenti eseguiti dai finanzieri, anche mediante l’esame di documentazione bancaria, hanno, invece, dimostrato l’esistenza di un vero e proprio rapporto di lavoro subordinato, con il pagamento di retribuzioni soggette alle ritenute previdenziali ed assistenziali oltreché a quelle fiscali. Le sanzioni contestate arrivano fino a 1 milione di euro, è stata proposta alla Direzione Territoriale del Lavoro la sospensione dell’attività in conseguenza dell’impiego di lavoratori in nero in misura superiore al 10% del totale dei dipendenti e per i beneficiari di reddito di cittadinanza è stata inviata segnalazione all’I.N.P.S. per la sospensione del contributo indebitamente percepito.

L’azienda ha provveduto a regolarizzare la posizione dei lavoratori impiegati in nero, assumendoli dalla data del loro effettivo impiego e garantendo loro tutte le forme assicurative previste. Le attività ispettive e di controllo nello specifico settore proseguono e sono finalizzate a tutelare i lavoratori, la concorrenza tra gli operatori economici e le imprese che rispettano le regole.


Subscribe
Notificami

6 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Parassiti
1 anno fa

Come si chiama questo imprenditore?

Caporalato R.s.a.
1 anno fa

…Ma questa R.s.a. è in terminillo? Difronte al gommista Erinnio…credo! Perchè non Controllate gli amministratori di condomini, settore prelibato “fann i fatt sott sott”…

E io pago!
1 anno fa

1 MILIONE di multa? Dovrebbero sequestrare tutte le ricchezze accumulate in modo fraudolento, come si fa con la legge antimafia ai mafiosi! 36 Lavoratori in nero su 50!!

Cittadino Onesto
1 anno fa

Ma io mi chiedo: questa Rsa è uno dei tanti casi abbiamo capito…….
Ma come mai si chiudono tutti e due gli occhi su cose moltoooo più palesi come tutti i bar e pizzerie col personale a nero?
E i venditori di frutta abusivi che si sanno chi sono cioè tutto tranne che poveri????
E Massimin u pacc di fronte alla mutua che da anni fa gli orologi a nero?
Se si deve controllare si andasse da tutti però.

E io pago!
1 anno fa

Quando il fenomeno è così ampio e diffuso ci vorrebbero molti più uomini a disposizione. Così non è, quindi le poche risorse umane a disposizione e meglio concentrarle sui grandi evasori. In poche parole se ho tanti uomini vado a beccare il fruttivendolo,le pizzerie i bar massimimin u pacc ecc ecc, siccome non ho tutto il personale percontrollare tutto, concentro le risorse sui grandi evasori!

Cittadino
1 anno fa

Perchè queste strutture frodano parecchi soldi alla comunità e dietro ci sono amici di amici…. i piccoli imprenditori invece sono costretti a sbarcare il lunario con la mole di tasse che sono costretti a pagare.

6
0
Commenta questo articolox