Gatta (Provincia): “Serve subito una norma per tagliare bollette”

Marchiodoc - Nicola Gatta

“La crisi energetica che sta colpendo Enti locali, imprese e famiglie è un’emergenza senza precedenti. Un problema che rischia seriamente di compromettere la regolare erogazione dei servizi pubblici e di mettere in ginocchio il sistema economico provinciale, oltre a minare la tenuta sociale delle nostre comunità alla luce delle difficoltà delle fasce più deboli della popolazione”. È il commento del presidente della Provincia, Nicola Gatta, alla delicatissima situazione vissuta dal ‘sistema Capitanata’ in conseguenza dell’aumento dei prezzi per l’approvvigionamento energetico.

“Per comprendere quanto sia grave la situazione basti pensare, ad esempio, che per la Provincia di Foggia i costi relativi alle spese energetiche, tra energia elettrica e gas, sono passati dai circa 3 milioni 400mila euro del 2021 ai circa 7 milioni 500mila euro stimati per il 2022 – spiega il presidente dell’Ente di Palazzo Dogana –. Costi solo molto parzialmente compensati dagli aiuti del Governo, del tutto insufficienti rispetto alle esigenze reali”. “La Capitanata, da questo punto di vista, è una provincia leader in Italia e nel Mezzogiorno per la produzione di energia, innanzitutto da fonti rinnovabili – ricorda il presidente della Provincia –. Mentre si continua ad autorizzare l’insediamento di nuovi impianti sul territorio, però, non si vedono ancora i benefici concreti del sacrificio, in particolare sul piano ambientale, compiuto dalle nostre comunità”.

“Occorre immediatamente una norma che restituisca alla nostra provincia una compensazione che produca un ristoro economico da destinare al sostegno di famiglie ed imprese ormai con l’acqua alla gola – dichiara Nicola Gatta –. Le royalties derivanti dalle attività estrattive e dalla produzione energetica da fonti rinnovabili devono essere assegnate alle aree che si fanno carico di ospitare gli impianti e le estrazioni”.“La strada da percorrere può essere quella tracciata dalla Regione Basilicata – evidenzia il presidente della Provincia – che ha approvato una legge attraverso cui è stato previsto, negoziando i termini della compensazione ambientale con le concessionarie degli impianti estrattivi di idrocarburi sul territorio, il rimborso della componente energia del prezzo del gas per le utenze domestiche dei propri residenti”“La Capitanata, soprattutto in questa fase drammatica, non può più continuare ad essere una terra ricchissima nella produzione energetica – conclude Nicola Gatta – ma a cui, paradossalmente, continuano ad essere riconosciuti pochi spiccioli”.


0 0 votes
Article Rating

2 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
volpe
1 mese fa

un genio

Collin
1 mese fa
Reply to  volpe

Ma tu hai capito che a Roma se ne sbattono e se questi da destra a sinistra nelle citta non fanno squadra noi questo inverno andiamo alla caritas a pranzo e cena?

2
0
Commenta questo articolox