“Odori molesti dal depuratore di Cerignola”

"Odori molesti dal depuratore di Cerignola"

“Inquinamento del suolo. Sversamento di reflui fognari non depurati. Inquinamento ambientale. Corpo idrico recettore. Compromissione dell’habitat naturalistico o deterioramento dell’ambiente. Odori molesti provenienti dal depuratore. Esalazioni nauseabonde provenienti dall’area dell’impianto. Adeguamento tecnologico e strutturale dell’intero ciclo di depurazione. Danno ambientale. Rilevante e misurabile”.

La pattuglia di servizio degli Ispettori Ambientali Territoriali CIVILIS coordinata dal Comandante Giuseppe Marasco con l’Ispettore Tommaso Mangini hanno controllato lo scarico del Depuratore di Cerignola che non depura PH7, con video e foto denunce sui social.

“In tema di inquinamento ambientale – si legge nella nota-, la situazione di compromissione o deterioramento dell’ambiente debba essere significativa (quindi apprezzabile qualitativamente) e misurabile (quindi apprezzabile quantitativamente), nel caso in cui siano riscontrate in plurime occasioni le violazioni di legge e del provvedimento autorizzativo, nonché, per tre volte, il superamento dei limiti di determinate sostanze (Cass. Sezione n. 46170/16). Sicché, la legge ha volutamente utilizzato degli aggettivi generici, sebbene stringenti per l’operatore, perché ha reso penalmente rilevanti tutti quei casi in cui la compromissione o il deterioramento dell’ambiente siano significativi o rilevanti e misurabili. Nella specie, la misurabilità è consistita nel prelievo dei campioni e nella loro analisi per ben tre volte, la significatività è stata apprezzata dai Giudici, anche tenuto conto del danno alla collettività come documentato dalle doglianze dei cittadini”.

“Il reato di getto pericoloso di cose di cui all’art. 674 c.p. può concorrere con i reati in materia ambientale, purché venga accertata la potenziale offensività del rifiuto o del refluo e che il getto avvenga in luogo di pubblico transito o privato di comune o altrui uso, quando la condotta dell’agente sia atta a provocare, per la natura e quantità di ciò che viene scaricato, molestie alle persone esposte alla conseguenza dello scarico”, dice Marasco-


0 0 votes
Article Rating
9 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Quiss la ma fatt nou!
22 giorni fa

Ma dei problemi seri , vedi depuratore , torrente Lagrimaro, raccolta differenziate non se n’è occupato mai nessuno in passato? Oltre che rotonde e monumenti questi erano argomenti da dare la massima attenzione e invece cit……!

Tenaglia Kid
22 giorni fa

Ci vorrebbero denunce a cascata a tutta la classe politica Cerignolana da almeno trentanni a questa parte , perché non hanno vigilato o fatto finta di non vedere e non hanno denunciato.
Lagrimaro e company esistono come problema da 30 anni , mai nessuno a denunciare a viso aperto.
Cerignola vive nella sottomissione,complicità, connivenza con gente di pochi scrupoli e pseudo imprenditori.
Quà moriamo di tumori e malattie varie e nessuno ne parla e denuncia a viso aperto.

Ma che dii !!
22 giorni fa
Reply to  Tenaglia Kid

Il canale Lagrimaro passa vicino la zona industriale. Non ci vuole mica tanto a capire che esso è fonte di versamento di rifiuti industriali che dovrebbero essere smaltiti in modo legale. Siccome lo smaltimento dei rifiuti industriali ha un costo enorme, qualcuno fa il furbetto versando il tutto dentro il canale! Industriali, imprenditori, gente potente e ricca che finanzia campagne elettorali di politici asserviti al potere. Ecco perché non si occupano di problemi seri e gravi come questi, ci prendono per coglioni buttandoci fumo negli occhi con rotonde, monumenti , archi e cazzate varie. Queste sono cose piu visibili che… Leggi il resto »

BATMAN
22 giorni fa

perche’ questi stanno dando un contributo ha queste cose??
mha io vedo solo che soo notizie di un giornale di parte……….

ROBBIN
22 giorni fa
Reply to  BATMAN

Ai raggione……

Una rotonda sul mare!
21 giorni fa
Reply to  BATMAN

Per fare I lavori per i problemi sopraelencati ci vuole molto più tempo che fare una rotonda. Per farli ci vogliono prima i finanziamenti poi seguono le gare di appalto che hanno i tempi burocratici che tutti sappiamo. Una rotonda la fai in venti giorni i lavori per il canale Lagrimaro ci vogliono almeno due anni.

ROBBIN
21 giorni fa

Da un cittadino che non conosce le lunghe procedure puoi pretendere che dopo che glie le hai spiegate può averle imparate ma da un batman qualsiasi che non sa nemmeno scrivere pretendi troppo. Poi se verranno fatti i lavori dirà che sono stati fatti in ritardo…un poco come altri batman e batwoman fanno con l’ ordinanza sullo stop alle bici elettriche…quando sfrecciavano per il corso si lamentavano e ora che é stata fatta l’ ordinanza, o dicono che é stata fatta tardi ( l’ otto giugno per loro é già autunno)o non vedono i vigili ( che ci sono eccome)… Leggi il resto »

Una rotonda sul mare!
21 giorni fa
Reply to  ROBBIN

Hai dimenticato la riduzione della Tari. Si lamentano della percentuale di riduzione e l’inversione della tendenza all’aumento e dimenticano chi ha aumentato la stessa , chi ha fatto fallire la SIA ( gli operai aspettano ancora tre mensilità ) e chi era il presidente del consorzio.

Ospite
22 giorni fa

Ma quale Cerignola?! L’episodio riguarda Mattinata!! Lo dice proprio il Comandante Marasco! Ma che scrivete?!

9
0
Commenta questo articolox
()
x