INTERVISTA | Grieco a tutto campo: Quarto, calciomercato, Serie C

INTERVISTA | Grieco a tutti campo: Quarto, calciomercato, Serie C

Il presidente dell’Audace Cerignola, Nicola Grieco, è al lavoro per allestire una squadra all’altezza del campionato di serie C. Tanti sono i progetti in cantiere ma c’è anche qualche polemica, come quella riguardante l’ex numero uno della società, Danilo Quarto.

Presidente Grieco, il suo predecessore, Danilo Quarto, ha espresso pubblicamente il rammarico per non essere stato ringraziato durante la festa in piazza per la promozione. Perché questo non è avvenuto?

«Non è stato fatto di proposito. Negli ultimi tempi, sono venute a crearsi situazioni poco chiare. Se si sono presi impegni e poi si viene meno, allora sorgono dei dubbi».

A cosa si riferisce?                                   

«Sia Quarto sia la famiglia Grieco avevano convenuto di investire una cifra tot nel progetto Audace. Questo non è successo. Quando poi si è affrontato il discorso fidejussione per il prossimo campionato, ci siamo trovati davanti al problema del pagamento delle ultime due mensilità ai giocatori. Tutti giravano intorno al problema fidejussione, ma si è rischiato di non poter iscrivere la squadra! Il pericolo è stato scongiurato, ma se devo mettere nelle mani di un terzo soggetto le proprietà di famiglia, allora preferisco riprendere il controllo della società».

Quando due anni fa ha lasciato l’Audace, ha parlato di ciclo concluso. Ora riprende in mano le redini della società. Cosa è cambiato in questi due anni?

«In realtà, ho sempre sostenuto la squadra economicamente. Il calcio è una realtà logorante, ma è qualcosa di necessario per la città e dobbiamo credere in ciò che abbiamo».

A tal proposito, abbiamo lo stadio Monterisi che necessita di interventi d’adeguamento agli standard imposti dalla Lega Pro. Sono già stati stanziati 150 mila euro. In piazza, ha dichiarato che vuole vedere il sostegno dell’amministrazione con fatti concreti. Finora quali fatti concreti ha visto?

«È prematuro esprimere giudizi, ma l’amministrazione comunale ci ha dato tutte le rassicurazioni del caso. Siamo costantemente in contatto con l’assessora allo Sport Rossella Bruno e abbiamo costruito un ottimo rapporto col sindaco. Sono sicuro che Audace e amministrazione Bonito faranno grandi cose insieme».

Presidente, come sta preparando l’avventura in serie C?

«Con molta umiltà, siamo una matricola e non vogliamo fare brutte figure. L’obiettivo è di mantenere la categoria. Se poi dovesse arrivare qualcosa di buono in più, la prendiamo con piacere».

Mister Michele Pazienza e il bomber Giancarlo Malcore restano?

«Ho parlato martedì scorso con mister Pazienza e abbiamo trovato un’intesa, la sua conferma è definitiva. Per quanto riguarda Malcore, speriamo di trattenerlo. Ha tante offerte e vedremo se ci sono i presupposti perché rimanga qui»

Da L’edicola del sud- Giovanni Soldano


0 0 votes
Article Rating

4 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Tifoso da Torino
5 mesi fa

Come ho sempre immaginato. Gli altri erano delle teste di legno, ma in effetti chi metteva i soldi era la famiglia Grieco. Per loro l’ audace è come un componente della famiglia ,un figlio e i figli non si abbandonano mai. Grazie

interessi personali
5 mesi fa

ma veramente dici????

Tifoso da Torino
5 mesi fa

Ma tu credi che Quarto avesse le risorse economiche per mantenere una rosa di 26 calciatori come il Cerignola? Se tu sai il contrario delucidami. E comunque non credo che sia andato via a mani vuote!! Questo non toglie il fatto che lui ci abbia messo passione, vicinanza e cuore. Ma non basta, per fare la C ci vogliono soldi e tanti……

Cassandra
5 mesi fa

Bravi Tutti, ognuno ha fatto il suo dovere era chiaro che il deus ex machina era Nicola Grieco che ha saputo gestire una complessa realtà come L’Audace Cerignola !!
FORZA CERIGNOLA !

4
0
Commenta questo articolox