Violenta rissa in via San Leonardo: scontro cruento tra due gruppi di rumeni

Violenta rissa in via San Leonardo: scontro cruento tra due gruppi di rumeni

Una violenta rissa, ieri sera, in via San Leonardo, a ridosso del quartiere Addolorata, ha scosso il quartiere. Due gruppi di cittadini di nazionalità rumena, residenti nella zona, si sono sfidati a colpi di bottiglie. Attimi di panico e di paura, preannunciati dalle rimostranze, già nei mesi scorsi, dei residenti della via che ormai vivono la quotidianità di violenza e assenza di regole. I cittadini questo pomeriggio hanno organizzato una raccolta firme da sottoporre all’attenzione del Commissariato di Polizia.

Particolarmente cruento lo scontro avvenuto ieri sera: i due schieramenti, composti da oltre 50 persone alcune delle quali – dalle ricostruzioni dei presenti- visibilmente ubriache, si sono lanciati bottiglie di birra da un lato all’altro di via San Leonardo provocando danni a persone e cose.

Il resto dei residenti è stato costretto a barricarsi in casa. Nel pomeriggio di oggi sul posto è intervenuto l’assessore alla sicurezza Teresa Cicolella, che insieme a tre pattuglie di polizia locale ha monitorato la zona incontrando i residenti che hanno esposto le criticità dell’intero quartiere.


4 1 vote
Article Rating

12 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Tenaglia Kid
4 mesi fa

Ormai siamo allo sbando .
Il censimento di tutta questa gente quando verrà fatto ?
Le case che i Cerignolani affittano a chi ?
E in quanti ci vivono dentro.
Poi succedono queste cose.
In Romania a noi manco ci fanno entrare.
Noi invece a porte aperte per tutti.

Michele
4 mesi fa

In effetti, vedere 30 / 50 Panzoni tutti maschi, sul marciapiede con birre in mano che sbraitano ogni pomeriggio sera, in quella zona, fa molto strano!
Un assembramento del genere deve essere vietato!

Sembrano in attesa di scatenare qualcosa.

Soprattutto questi soggetti che non sono molto civili!

Vanno redarguiti per tenerli a freno.

La Repubnlica della banane
4 mesi fa
Reply to  Michele

Direi qualcosa in più che redarguire, proporrei la castrazione chimica, almeno non si riproducono.

Tenaglia Kid
4 mesi fa

Anche per i cinghiali però, che stanno aumentando ogni giorno e che fanno danni.

Spiegami
3 mesi fa
Reply to  Tenaglia Kid

Mi spieghi cosa c’entrano i cinghiali con il problema dei rumeni violenti dell’articolo?

mi dispiace
3 mesi fa
Reply to  Spiegami

te lo spiego io, e’ una persona sola…….

robin
3 mesi fa

Cerignola rispetto ad altri paesi e citta’ anche fuori regione e’ oro!!
Ormai e’ tutta l’Italia allo sbando.
Siamo invasi da monnezza……non si puo’ fare piu’ nulla se non convivere……noi abbiamo il PAPA in casa…….Non ci vorrebbe tanto per stare meglio…….basterebbe fare un copia e incolla dell’Australia.

Tenaglia Kid
3 mesi fa
Reply to  robin

Australia ok , adesso hanno anche un capo dello stato con origini Barlettane.
Ok per canguri koala e boomerang.
Ho perplessità in merito al pensiero che abbiamo noi italici rispetto ad un popolo tipo quello Australiano con appena 500 o 600 anni di storia.

robin
3 mesi fa
Reply to  Tenaglia Kid

Barlettane,,,,e quindi? io mi riferisco al fatto che per entrare nel loro stato ti contano anche i peli del……… PUNTO. 00 / 600 anni di storia….che c’entra? Hai sempre da ridire e fare lo splendido su tutto………….

HOOD
3 mesi fa
Reply to  Tenaglia Kid

Koala, boomerang, canguri cosa c’entrano con la discussione? Guarda che non c’è obbligo di intervenire su tutto. Se non si ha nulla da dire meglio tacere.

Andrea Gomez Cicchetto Jr.
3 mesi fa

sono cosi’ sexy i rumeni con i panzoni e i chianill … mmmmm

Il giustiziere
3 mesi fa

Riguardo al conflitto fra rumeni a strd di pagniaiul, non occorre che vi ricordi quanto in una repubblica delle banane è tutto permesso. Una politica che condiziona la magistratura e viceversa,forze dell’ordine che non hanno potere perché non supportate, tutti possono entrare e nessuno li fa uscire con la capezza alla gola. Da dovunque provengano, neri,gialli, bicolori,di altre religioni, noi dobbiamo assoggettarci per” senso ” di civile ospitalità ,alla loro cultura e loro offendono la nostra. Noi nei loro paesi dobbiamo fare quello che loro ci obbligano. Altrimenti veniamo arrestati e per poter uscire dobbiamo pagare somme esose e subire… Leggi il resto »

12
0
Commenta questo articolox