Andria: sequestrata discarica abusiva di rifiuti pericolosi


La Capitaneria di porto-Guardia Costiera di Barletta rende noto che, a seguito di una complessa ed articolata attività di indagine finalizzata alla salvaguardia dell’integrità ambientale e alla tutela della salute pubblica nel proprio ambito di giurisdizione, il proprio Nucleo Operativo Polizia Ambientale, con la collaborazione del personale della Polizia Provinciale, ha posto sotto sequestro penale un fondo di proprietà privata esteso circa 5.000 metri quadrati, sito nel Comune di Andria, adibito a discarica abusiva a cielo aperto.
All’interno della predetta area, censita al catasto terreni come “Uliveto”, sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro circa 10.000 metri cubi di rifiuti pericolosi e non pericolosi costituiti da materiale edilizio, rifiuti di materiale plastico, conglomerato bituminoso e rifiuti provenienti da escavo.



L’attività di indagine ha consentito di cogliere in flagrante il conducente di un autocarro intento a scaricare dei rifiuti provenienti da escavi effettuati presso il territorio andriese, e di porre sotto sequestro giudiziario anche i mezzi meccanici preposti allo spianamento dei rifiuti di varia tipologia all’interno dell’area oggetto
del provvedimento cautelare. È emerso altresì che i mezzi meccanici utilizzati per il trasporto e lo stoccaggio all’interno dell’area, operavano in totale assenza
dei necessari titoli autorizzativi.
Sono in corso ulteriori accertamenti mirati alla caratterizzazione dei rifiuti sottoposti a sequestro preventivo.
All’esito della predetta attività, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani tre soggetti per le ipotesi di reato relative all’abbandono e deposito incontrollato di rifiuti sul suolo privato, realizzazione di una discarica non autorizzata, trasporto di rifiuti senza il formulario di identificazione FIR.





0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Commenta questo articolox