Leggi il Labiale | Il 2 di coppe e la briscola di bastone

marchiodoc_pannello labia

Diversi anni fa, al termine di un riunione di maggioranza per decidere, così come accade oggi, i destini del mondo, nella stanza dell’allora sindaco, Antonio Ginnatempo, il presidente del consiglio comunale dell’epoca, Pasquale Mennuni, leader dell’Udc locale, sbottò dicendo che egli si era stancato di fare la maestra dei bimbi irrequieti senza contare nulla nelle decisioni e soprattutto si era stufato di apprendere le stesse a cose ormai fatte. Tant’è che quando tornò al governo nel 2010 Mennuni scelse la via della giunta, andando a ricoprire il ruolo di assessore. Oltrechè figlio d’arte in tutti i sensi, il sindacalista degli artigiani è una persona che di politica, proprio per averla masticata in casa fin da ragazzo, ne capisce e di conseguenza, dopo aver provato l’ebbrezza della firma in calce a manifesti che non legge nessuno sulle convocazioni del consiglio comunale, scelse un ruolo amministrativo.
Nelle prossime ore e fino a giovedì 2 dicembre, quando si riuniranno per la prima volta le nuove assise comunali (a proposito, per tutti, o quasi, gli statisti eletti: assise è plurale, se proprio si vuole usare il singolare si può utilizzare il desueto “assisa”), riunioni e conciliaboli nei partiti, o liste civiche, e tra i partner di maggioranza ci si accapiglierà, scindendo l’atomo, per occupare una seggiola che nel corso degli anni è stato dimostrato conta, in termini politici e soprattutto amministrativi, quanto il 2 di coppe con briscola a bastone. Il presidente del consiglio comunale da Roma Capitale a Carapelle è solo l’attendente del sindaco, utile alla bisogna in quei rari casi di congestione delle sedute d’aula. Anche nella organizzazione dei lavori, ovvero nella compilazione dell’ordine del giorno, il suo ruolo sarà solo pseudonotarile.
Però, vuoi mettere quei momenti di gloria quando farà roteare l’avambraccio mentre brandisce la penna rossa come una maestrina?
P.s. Per i benpensanti della cancel culture, “maestrina dalla penna rossa” è un uso allegorico del famoso racconto di De Amiciis: mi perdoneranno le Maestre lettrici.

Natale Labia




0 0 votes
Article Rating

7 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Barak
1 anno fa

Nata’ e quindi?

Obama
1 anno fa

A livello economico vale lo stesso stipendio del sindaco !

Trump
1 anno fa

Bene hai fatto a spiegare la differenza fra assise e assisa (plurale e singolare).
Ora però, ci spieghi perché scrivi un riunione anziché una riunione?( maschile e femminile).
Mi perdoneranno le maestre lettrici se sono ignorante in italiano e chiedo spiegazioni.

Dante
1 anno fa

Sembra piu una lezione di grammatica.
Grande articolo

Il piccolo Enzo Biagi
1 anno fa
Reply to  Dante

Ogni volta che leggo un suo articolo, mi chiedo come mai nei piani alti del giornalismo italiano non abbiano mai notato un talento così.

Alighieri
1 anno fa

Montanelli e Travaglio chi?
Fate spazio gentilmente

Ipocriti
7 mesi fa

Ma davvero credete di stupirci con 4 rime baciate? L’articolo non dice nulla di interessante rispetto ad una situazione politica locale disastrosa.

7
0
Commenta questo articolox