La tesi del complotto di Metta: “Ho dato fastidio a qualcuno”


Franco Metta durante il comizio

Un microfono e un palco. Conclude come aveva iniziato, Franco Metta, la sua esperienza politica. A differenza del 2008, quando ha iniziato la cavalcata a Palazzo di Città, il cicognino conserva la fascia da sindaco, che potrà usare fino a quando il Presidente della Repubblica non firmerà lo scioglimento del comune per Mafia. Nel partecipato comizio di domenica mattina il sindaco Franco Metta si difende dalla relazione con la quale il ministero dell’Interno ha tracciato la fitta rete di collegamenti mafiosi dell’amministrazione con la malavita locale. Poi toglie la fascia da sindaco per consegnarla simbolicamente a suo nipote e promette: “Troveremo un giudice a Roma che mi darà ragione, oppure prima o poi ci faranno votare e sfido chiunque a prendere un voto più di me”.



Secondo l’ex sindaco di Cerignola sarebbe in atto un complotto ordito da Forze dell’ordine, Ministero dell’interno, Prefettura e Procura di Foggia (per il momento Metta ha risparmiato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che dovrà firmare l’atto di scioglimento). 

“Abbiamo portato a Cerignola 100 milioni di finanziamenti, le opere sono sotto gli occhi di tutti. Ho dato fastidio a troppe persone  abituate a considerare Cerignola come il salotto di casa loro. Appena insediatomi hanno aperto un fascicolo sulla mensa scolastica e da quel giorno ogni atto della mia amministrazione, dal primo all’ultimo, è stato acquisito almeno due volte da polizia, carabinieri e guardia di finanza”, ha detto Franco Metta.

L’ex primo cittadino ha parlato anche dell’indagine a suo carico per concussione: “Hanno chiamato 15 imprenditori a testimoniare, nessuno dei quali ha detto niente di irregolare sul mio conto. Mi volevano arrestare ed incastrare, e allora hanno trovato un provvedimento contro cui non posso difendermi”, ha proseguito Metta. Al sindaco civico il ministero dell’interno ha contestato frequentazioni, appalti, gestione.

“Ho sposato una persona con precedenti penali e ho partecipato alla cerimonia: era un mio assistito da 40 anni, io faccio l’avvocato penalista da una vita. Come devono fare a sposarsi le persone con precedenti penali altrimenti? Non dovevo andarci?”. Franco Metta non entra nel merito delle altre contestazioni, promettendo di affrontare successivamente tutti i rilievi successivamente. Poi il consueto attacco a Marchiodoc.it: “Aprite un’indagine su Michele Cirulli: come faceva ad avere un documento riservatissimo prima che fosse notificato a me?”.



E poi chiama direttamente in causa il suo vice, Rino Pezzano, presente tra il pubblico per supportare il sindaco con relazioni assidue con la mafia: “CI hanno accusati anche di non far pagare il canone per le case popolari. È sempre successo. Ma su questo Rino è più competente di me con Arca. È vero Rino?”, ha detto Metta buttando dentro anche il suo vice.

Il futuro sarà ancora nel suo nome, promette Metta. Ma se interverrà l’incandidabilità, insieme ai suoi, non potrà partecipare alle elezioni almeno per 5 anni.



0 0 vote
Article Rating
7 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Mario
1 anno fa

Nella Chiesa di Santa Barbara è giunta una reliquia del Beato Puglisi, simbolo della lotta alla Mafia.
Speriamo sia un segno per far redimere il parroco di quella Parrocchia che sia in campagna elettorale che successivamente ha utilizzato il suo ruolo ed il pulpito della sua Chiesa per sostenere e far votare l’amministrazione infiltrata dalla Mafia. Una vergogna indicibile che dimostra come sia la Cultura mafiosa ad essere radicata prima ancora che la mafia medesima.

Osservatore
1 anno fa

SCHIZOFRENIA: I sintomi più comuni includono allucinazioni uditive, deliri paranoidi e pensieri o discorsi disorganizzati.
Curati, ne hai bisogno davvero.

Statistico
1 anno fa

Non è entrato nel merito durante il comizio, ma se come ha annunciato, farà ricorso al Tar, dovrà opporsi punto su punto alle argomentazioni della relazione prefettizia, e spiegare per quale motivo in tante gare “bandite” dalla sua amministrazione, si sono nella maggior parte dei casi, presentate sempre le stesse ditte, o ditte appena nate, in numero esiguo, e con offerte al ribasso nell’ordine di pochi decimali.

Il danneggiato
1 anno fa

La pressione psicologica la puoi fare a quelli che hanno un quoziente intellettivo inferiore alla media. Ero in villa con mia figlia ed ho sentito solo la sua prima frase, e già era da controbattere… Mi immagino tutto il resto della sceneggiata che ovviamente non ho felicemente ascoltato. Un ciarlatano, un imbroglione. Hanno fatto bene a definirlo così, è quello che si merita. Spero abbia il declino che si merita. Spero che lasci la politica nel più breve tempo possibile perchè altrimenti dobbiamo stare a sentirlo pure che si lamenta. Quello che doveva fare l’ha fatto, ora speriamo che ci… Leggi il resto »

Mimi
1 anno fa
Reply to  Il danneggiato

Almeno dicci chi sei così ne parliamo a quattrochi

Fede
1 anno fa

ieri al comizio diceva di essere un santo…ma come si fa a credergli? Basta chiedergli e constatare quante sono le ditte che hanno preso gli appalti…sempre e solo le stesse…e chi sono i tecnici incaricati? Sempre e solo gli stessi….e come per gli appalti così si possono fare innumerevoli esempi…basti guardare chi lavora al welfere..

Giovanni
1 anno fa

Hai ragione hai dato fastidio, tanto fastidio …….. alla LEGALITA’.
E ora pagherai caro, anzi gia lo hai fatto.
E tutta quella merda puzzolente che ti applaude nelle piazza verrà punita col tempo dal giudizio divino.
LA MAFIA E’ UNA MONTAGNA DI MERDA come diceva una persona per bene, tale PEPPINO IMPASTATO <3 !!!

error: Marchiodoc.it ®
7
0
Commenta questo articolox
()
x