De Cosmo torna in campo, in F.I. Curiello e Vitullo ai raggi X

Forza Italia cerca di riorganizzarsi e di approfittare del trend positivo iniziato dopo le politiche del 4 marzo. Oltre ad una iniziativa del prossimo 8 giugno, con tema bullismo, i berlusconiani tentato di aprire le porte del partito iniziando una sorta di scouting anche nei partiti potenzialmente alleati.

Il convegno sul bullismo sarà  importante perchà© metterà  allo stesso tavolo le varie anime degli azzurri: il coordinatore provinciale Raffaele Di Mauro, il vicepresidente del consiglio regionale Giandiego Gatta e il coordinatore regionale Luigi Vitali.
Sarà  un banco di prova non solo provinciale, dopo la nota querelle Gatta-Vitali sulla riorganizzazione del partito, ma soprattutto locale. Anche perchà©- ed è un dato assolutamente inedito- a dare i saluti istituzionali ci sarà  solamente il consigliere comunale Antonio Bonavita, mentre sui manifesti non appaiono i nomi di Natale Curiello e Paolo Vitullo. L’atteggiamento dei due, che dalla segreteria danno comunque per “”presenti””, è sotto la lente di ingrandimento di un’ala del partito.

La loro posizione ambigua nei confronti di Metta, ed il mancato sostegno alla mozione di sfiducia lanciata dal Pd sul caso Sia srl, hanno aperto qualche squarcio anche nella compagine di Forza Italia. Il futuro – è la domanda che serpeggia tra gli azzurri – è da intendersi vincolato all’attuale amministrazione comunale o Metta sarà  escluso dalle prossime amministrative? Se le dichiarazioni ufficiali sono sibilline, diversi sono i rumors interni.

Quando il Partito Democratico ha proposto la sfiducia al primo cittadino, dopo la nota “”cicoriata”” ai danni di Metta sotto la Prefettura di Foggia, i consiglieri forzisti sono rimasti alla finestra senza prendere posizione, accentuando – soprattutto all’interno- malumori diffusi. Il coordinatore cittadino Pierluigi Barbaro, al contrario, spiega cosa sia successo: “”La sinistra, o quel che ne resta, continua a fare sciacallaggio politico su quella che può definirsi una emergenza di portata incalcolabile. Sarebbero in attesa di una risposta ad una domanda mai fatta a meno di non voler pretendere di ritenere una notizia spiattellato su qualche profilo Facebook una mozione. Nessuno e ribadisco nessuno ha mai informato formalmente Forza Italia di questa tanto enfatizzata mozione. Fanno da coro a questa non notizia alcuni dei corresponsabili del disastro SIA””, è stato il commento dell’avvocato berlusconiano.

Polemiche a parte, resta da capire quale sia la posizione di Forza Italia rispetto ai rapporti con Franco Metta e da qui nasce la contrapposizione tra falchi e colombe, rispettivamente contrari e possibilisti rispetto ad un futuro patto con l’attuale sindaco civico. Su questo aspetto si gioca anche la tenuta dell’intera coalizione di centrodestra, con Fratelli d’Italia assolutamente contraria ad inserire Metta nella platea degli attori di destra, e la Lega che cerca a piccoli passi di ritagliarsi un ruolo cercando contatti con qualche consigliere comunale di maggioranza e minoranza, per ora senza riscontri favorevoli.
De Cosmo ri-scende in campo: “”Progetto ampio, accogliamo tutte le forze””
Francesco De Cosmo torna in campo. Dopo le esperienze da assessore nella giunta Giannatempo, il commercialista cerignolano si riorganizza con un “”think tank”” che cercherà  di raccogliere pezzi di politica e di società  civile. L’associazione “”De Gasperi”” per ora conta decine di adesioni provenienti da più mondi e riceve diversi indirizzi politici. Quel progetto di certo si trasformerà  in un contenitore politico.

“”Sarà  una federazione di partiti e associazioni e lo premetto in partenza: non sarò io il candidato sindaco di questa coalizione, anzi, il candidato dovrà  essere individuato all’unanimità  da tutti i soggetti che vi aderiscono””, spiega il commercialista. L’ex assessore all’urbanistica ed ex patron del Cerignola Calcio ha già  preso contatti con la Lega di Francesco Merafina, con l’Udc di Franco Reddavide, con la Dc di Antonio Campaniello, perfino con pezzi che gravitano intorno alla galassia del movimento 5 stelle.

“”Apriremo il circolo a chiunque, purchè ci sia uniformità  di vedute su quanto stia succedendo nella città . Per noi i cardini principali sono legalità  ed ordine. Soprattutto legalità , visto che in questi anni si sono perse le regole. A due anni dalle votazioni ogni dichiarazione su alleanze e coalizioni è inutile, ma posso dire che peggio di così, a Cerignola, non può andare””, osserva De Cosmo.

Le voci di una sua discesa in campo si sono susseguite con rapidità  negli ambienti politici, tanto che ad essere interessati potrebbero essere anche consiglieri di maggioranza. “”Il candidato di Forza Italia può essere Metta, ma di sicuro non il nostro e di chi sostiene il nostro progetto. Mi chiedo e chiedo alla gente: per quale motivo Metta dovrebbe ripresentarsi come sindaco? Perchà© ha fatto le rotonde mentre faceva fallire la SIA?””, ironizza De Cosmo.

L’associazione politico culturale “”Alcide De Gasperi”” uscirà  allo scoperto con iniziative pubbliche. La riorganizzazione delle forze politiche è già  in atto: le amministrative del 2020 sono un obiettivo a cui si pensa in maniera trasversale, considerando che la figura dell’attuale sindaco risulta essere costantemente divisiva, tanto da favorire la rinascita di nuove e vecchie formazioni.

Michele Cirulli

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Commenta questo articolox
()
x