Regione Puglia, 15 mln per il sostegno agli affitti: priorità  a Cerignola, San Severo e Lucera

Un fondo da 15 milioni di euro per aiutare le famiglie pugliesi che non riescono a pagare l’affitto. La Regione stanzia nuove risorse da destinare al cofinanziamento regionale del Fondo per il sostegno affitti dell’anno 2015. Ad annunciarlo gli assessori alle politiche abitative e al bilancio, Annamaria Curcuruto e Raffaele Piemontese, che hanno stanziato altri 10 milioni di euro da destinare ai morosi.

Somma che si aggiunge ai 5 milioni di euro già  resi disponibili nei mesi precedenti. Non manca una nota polemica nei confronti del governo: “”Questa somma – è scritto in un comunicato della Regione – consentirà , nonostante il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti non abbia stanziato alcuna risorsa per lo stesso anno, la concessione di contributi sui canoni di locazione 2015 ai soggetti meno abbienti””. Ora i soldi stanziati saranno ripartiti ai Comuni e questi ultimi emaneranno bandi per individuare i soggetti destinatari dei contributi. Si tratta della seconda misura in tema di edilizia varata dal governo regionale in poco tempo. Solo qualche giorno fa la giunta ha approvato una delibera con cui sono stati stanziati 110 milioni di euro di fondi comunitari per la riduzione del disagio abitativo. Soldi da destinare al risanamento di circa 2.000 abitazioni del patrimonio pubblico dell’Arca (agenzia regionale per la casa), costruite negli anni ’70. Si tratta di case e palazzi che si trovano anche in Comuni a rischio sismico. Verrà  data precedenza ai quartieri dei Comuni di San Severo, Cerignola e Lucera, ma anche alle otto palazzine con 240 appartamenti dell’Isola di Taranto, risalenti al 1936, alle abitazioni al rione Paradiso di Brindisi e al quartiere Japigia di Bari. Gli interventi serviranno a garantire la stabilità  degli edifici, ma anche a eliminare le barriere architettoniche e a migliorare l’efficienza energetica. -repubblica.it-

Seguici e condividi i nostri contenuti
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube

Commenta questo articolo