Spaccio in villa comunale: arrestato giovane pregiudicato

Proseguono incessantemente le attività  di contrasto alla criminalità  diffusa, da parte del personale del Commissariato di P.S. di Cerignola, diretto dal Vice Questore Aggiunto Loreta Colasuonno, in particolare si evidenziano le operazioni di polizia svolte negli ultimi giorni.

Nella mattinata del 25 marzo u.s., a seguito di attività  info-investigativa, attivata a seguito di numerose segnalazioni giunte da parte dei cittadini frequentanti la villa comunale di Cerignola, personale dipendente in servizio di volante, dopo un’attenta osservazione, riusciva ad individuare un giovane che veniva avvicinato da alcuni ragazzi e cedeva degli involucri previo scambio di banconote.

Al termine dell’ultima cessione, gli Agenti decidevano di intervenire, per bloccare l’attività  criminosa in atto; proprio in quel momento il giovane spacciatore, vistosi scoperto nella sua attività , si dava alla fuga per le vie adiacenti la villa comunale, lasciando cadere al suolo, durante la sua fuga, alcuni involucri contenenti della sostanza stupefacente che veniva successivamente recuperata dagli Agenti.

Il giovane bloccato veniva identificato per il pregiudicato Antonio Curci, classe 1994, che veniva dichiarato in stato di arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e, dopo le formalità  di rito, veniva posto agli arresti domiciliari così come disposto dal P.M. di turno.

Nella circostanza, veniva sequestrata della sostanza stupefacente tipo hashish e marijuana suddivisa in dosi, nonchà© delle banconote di piccolo taglio, provento dell’attività  delittuosa.

Nel successivo pomeriggio del 29 marzo u.s., gli Agenti del Commissariato di P.S. di Cerignola, a seguito di preordinata attività  di prevenzione, tesa a contrastare qualsiasi forma di crimine diffuso, effettuava alcune perquisizioni domiciliari e locali, tese al rinvenimento di armi e/o esplosivi, detenuti illegalmente.

Durante una di queste, veniva rinvenuta all’interno di un furgone, abilmente occultata all’interno di un grosso sacchetto in alluminio, Kg 2,850 di sostanza stupefacente di tipo marijuana, in forma sfusa, unitamente ad un bilancio di precisione, utilizzata per l’attività  delittuosa.

Nella circostanza veniva tratto in arresto, per detenzione illegale di sostanza stupefacente, Salvatore Cappellari, classe 1976, incensurato, che, dopo le formalità  di rito, veniva posto agli arresti domiciliari così come disposto dall’A.G. in attesa della celebrazione del processo per la relativa convalida.

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x