FOTO | Agguato a un treno merci, notte di caos in stazione

Ancora un altro agguato ai danni di un treno merci, ancora Cerignola terra di nessuno e preda di bande criminali che inventano assalti alla diligenza nei più svariati modi: questa volta il colpo avrebbe dovuto essere sferrato ai danni di un treno merci, ma dai primi accertamenti non è stato possibile risalire all’effettivo materiale asportato dai vagoni.

 

La dinamica. Intorno alle 22:00, nelle campagne tra Cerignola ed Orta Nova, è stata posizionata un’auto “ una Ford Fiesta- data successivamente alle fiamme. Il treno merci, in partenza da Bari e che fino a quel momento non ha effettuato alcuna sosta, è stato bloccato nei paraggi della stazione di Cerignola Campagna. Dopo qualche minuto, trovandosi in aperta campagna, il macchinista ha optato per la soluzione più agevole: spostarsi di qualche centinaio di metri più avanti raggiungendo la banchina dello scalo ferroviario. In quel momento sono arrivati gli agenti di polizia, carabinieri (sul posto anche il capitano Michele Massaro) e la Polfer, che sta indagando sulla natura dell’agguato.

I vagoni. Fermato il treno in stazione, non è rimasto che iniziare la conta dei danni. 5 vagoni aperti, alcuni dei quali (3) vuoti, ma al momento non è possibile capire, attraverso la documentazione interna, se quegli scompartimenti fossero già  vuoti al momento della partenza. Di sicuro erano chiusi quando sono partiti da Bari. Gli ulteriori dettagli, infatti, saranno resi noti solamente nella mattina di oggi. Ad iniziare dal contenuto dei containers. I treni in transito hanno subito consideravoli ritardi, fino a raggiungere in alcuni casi 75 minuti di stop rispetto al ruolino di marcia.

I precedenti. L’ultimo una settimana fa, ma è stato a maggio che l’assalto ai treni ha registrato picchi più alti. O almeno, tentativi di agguato, secondo le ricostruzioni degli inquirenti. Nel giro di un mese, in primavera scorsa, sono stati posizionati blocchi di cemento prima e auto incendiate poi sul medesimo tratto di binario. Anche in quel caso non è stato possibile arrivare ad una conclusione certa per capire se e quanto quei gesti celassero altre mire criminose.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x