Stornara: mare di gente per il concerto di De Gregori

A Stornara si chiude in bellezza con uno dei più grandi artisti della musica italiana : Francesco De Gregori. Mercoledì 17 Agosto. Il paese, ancora assorto dal sonno dopo i festeggiamenti della festa patronale in onore di San Rocco e della beata Madonna della Stella, è pronto per accogliere uno dei più grandi cantautori della musica italiana, il poeta che ha fatto sognare diverse generazioni d’italiani, gli adolescenti degli anni settanta e ottanta divenuti oggi adulti ben formati e i giovani di oggi, specialisti di musica commerciale e non solo.

 

La serata si è aperta con i ringraziamenti fatti sul palco da uno dei membri della commissione di San Rocco, Massimo Sardone, il quale ancora una volta ha espresso gratitudine non solo per il primo cittadino del paese, definendolo il padre di tutti per il suo intenso lavoro svolto fino ad oggi, ma anche gli sponsor per la loro collaborazione attiva per realizzare questa festa. Dopo di lui ha preso la parola, il sindaco di Stornara, salito sul palco insieme al membro della commissione Sardone, Rocco Calamita, il quale, visibilmente emozionato, racconta che l’artista romano è stato uno dei musicisti con cui musicalmente è cresciuto e ha passato la sua giovinezza. A conclusione del discorso l’amministratore della città , rivolgendosi al pubblico, riflette sulla trasformazione sia mediatica sia locale che il territorio stornarese ha avuto; egli richiama ancora il cartellone festivo con gli eventi dello Storna – rap che si terranno nei giorni 21- 22- 23 Agosto. Scesi dal palco l’amministratore della città  di Stornara e il membro della commissione, sale lui, il cantautore romano Francesco De Gregori.

Con la sua vivacità , l’artista coinvolge fin da subito il pubblico, cantando in apertura Pezzi di Vetro; Durante il suo spettacolo De Gregori canta i titoli più noti come: Ecco l’agnello di Dio, La leva calcistica della classe 68, Titanic, Rimmel, colonne sonore di intense storie d’amore, melodie che hanno accompagnato le nostre vite e quelle dei nostri genitori. Durante l’esibizione il cantautore ha cantato alcune delle canzoni presenti nel suo ultimo album “”De Gregori canta Bob Dylan “ Amore e Furto””. Un omaggio che celebra la sua reverente stima per l’artista americano. Le canzoni di Bob Dylan, cantate da De Gregori, sono state modificate leggermente con il cambio di alcune parole senza però stravolgere l’intenso contenuto presente nei testi del cantante americano. Dopo aver cantato alcuni pezzi del suo nuovo album, l’artista romano si avvia alla conclusione del suo concerto cantando altri brani famosi, tra cui, Alice, Sempre e per sempre, Caterina, Atlantide, Niente da capire, La Storia siamo noi e Generale. Proprio con quest’ultima canzone il cantante trascina in maniera spettacolare il pubblico che canta all’unisono le sue parole.

Terminato il brano De Gregori, si congeda dagli spettatori ma essi lo interpellano a gran voce. Lui ritorna sul palco, e canta una delle canzoni più belle e più famose della musica italiana ossia La donna cannone; un brano ispirato da un episodio di cronaca che narra la fuga d’amore di un’artista circense ostacolato dai vari membri della famiglia perchè non faceva parte del mondo del circo; questo brano è presente come sottofondo musicale per il film Flirt del 1983 diretto dal regista Roberto Russo con la magistrale partecipazione di Monica Vitti e in alcune scene del film Il Grande Cocomero del 1993 di Francesca Archibugi. A conclusione del brano, il cantautore chiude il suo concerto in maniera definitiva cantando Buonanotte Fiorellino augurando una serena notte a tutti i suoi fan presenti non solo sul territorio stornarese ma anche nei comuni limitrofi e non, giunti sul posto per rendergli omaggio.Salvatore Cuccia

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x