SIA nel caos, ad Orta Nova l’aumento TARI è del 100%

Quello che emerge dagli atti è che dietro alla foglia di fico di un raffazzonato progetto per una pseudo raccolta differenziata si celano aumenti di stipendi in SIA e nuove assunzioni , il tutto a totale carico dei contribuenti ortesi.

 
è questo uno dei passaggi focali contenuti in una nota del Partito Democratico di Iaia Calvio e ciò che sta succedendo nel centro dei Reali Siti potrebbe essere un amaro antipasto anche per gli altri comuni del Consorzio di Igiene Ambientale FG4.

L’assessore Spinelli ebbe modo di dire, qualche Consiglio comunale fa, che il progetto che SIA aveva consegnato al Comune di Orta Nova a fine 2013 non esisteva. Pubblicheremo tutto sul web: 107 pagine per un dettagliato progetto industriale per una raccolta porta a porta per frazione organica , residuo secco non riciclabile, carta, plastica, metalli e vetro (niente più cassonetti per strada), spazzamento delle strade, trattamenti di disinfezione, disinfestazione e derattizzazione, gestione centro comunale di raccolta e raccolta cimiteriale. Personale necessario: 20 unità  a tempo pieno e 5 unità  a tempo parziale. Costo medio per abitante ‚¬ 101,41, spiegano i democratici ortesi.

Dunque, cosa è succede nel consiglio comunale di Orta Nova convocato dall’amministrazione Tarantino? Stanno portando 5 paginette per quello che chiamano progetto della raccolta differenziata che dovrebbe, secondo loro, giustificare la spaventosa impennata delle tariffe. Domiciliare solo per frazione organica e residuo secco non riciclabile e stradale per carta, plastica, metalli e vetro (ossia, com’è ora!). 20 unità  a tempo pieno (attualmente in servizio) ma , badate bene, un incremento di 6 unità  a tempo parziale. Costi lievitati rispetto al 2015 di oltre 700 mila euro, quasi totalmente a carico delle famiglie e ridotti per banche, farmacie, studi professionali, ecc., per un servizio ed un incremento della differenziata a cui non credono neanche loro, prevedono ricavi CONAI per 33 mila euro: praticamente niente!, spiegano i dem.

Quindi se Nel 2015 l’amministrazione Tarantino aveva confermato le tariffe deliberate dal Commissario Prefettizio per il 2014, oggi  il Consiglio comunale a trazione forzista per il 2016 delibera di fatto  il raddoppio delle tariffe tari (ex tarsu). Scendendo nel dettaglio: Se, ad esempio, foste una coppia di pensionati che vive in una casa di 80 mq, fino al 2015 avreste pagato di ex tarsu circa ‚¬ 150,00, nel 2016 dovrete invece pagare quasi ‚¬ 320,00 . Se invece quel pensionato fosse solo, magari in una casa di 45 mq dagli 83 euro del 2015 dovrà  passare ai 170 del 2016. Ma anche alle famiglie ortesi i nostri probi amministratori non hanno fatto mancare il loro affettuoso pensiero: quattro persone, 90 mq, 2015 ‚¬ 197 circa, 2016 si raddoppia (un po’ di più) ‚¬ 398.  è questo il report del PD di Orta Nova. Cosa succederà  negli altri centri?
 

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x