Qualcosa si muove: l’Art Fest e Senese infiammano la Villa

Terminato lo stressante marasma elettorale, che ha tenuto banco nella vita dei Cerignolani nella trascorsa metà  di giugno, è tempo ormai di ritornare a qualcosa di più gradevole e rilassante.

 

Pochi sono i mesi che caratterizzano la bella stagione, e per questo vanno sfruttati bene da chi vuole investire in ambito culturale, specialmente se ad esser investiti sono soltanto tempo ed energie unicamente spinte dalla volontà  di poter creare eventi di successo da riproporre nel tempo, capaci di tenerci al passo con altre realtà  limitrofe egualmente attive in ambito culturale.

Il Cerignola ArtFest 2015 è stato senza dubbio un successo di questo tipo ed un successo sotto ogni punto di vista, capace di riunire artisti di ogni genere dando loro la possibilità  di esprimere idee, passioni e talenti in un contesto piacevole, allietando così il clima della città  nel primo fine settimana libero da tensioni politiche.

Ma non solo gli artisti hanno caratterizzato la serata, tanti gli spazi dedicati all’enogastronomia locale, come Aquamela che esattamente un anno prima era al Taste of London, uno dei più importanti eventi internazionali in ambito enogastronomico. Presenti anche i ragazzi della Fiera del Libro e di Calici nel Borgo Antico, oltre ad una serie di spazi dedicati all’artigianato locale, ed anche una Galleria Psicoattiva ad esporre l’arte figurativa degli album musicali e dei film più celebri e non ultimo il sax a metà  strada tra Napoli ed il Bronx di James Senese.

Nonostante il clima avverso, nella sola giornata di domenica c’è stata un’affluenza notevolissima, sintomo unitamente a quello di altri eventi Made in Cerignola come l’imminente Calici nel Borgo Antico e la Fiera del Libro a settembre, di una graduale maturazione e consapevolezze cittadina dell’importanza di tali eventi.

Basterebbe guardare la collaborazione che ogni anno mostrano i cittadini della Terra Vecchia appunto, nell’evento prossimo che l’associazione L’Agorà  riproporrà  anche quest’anno.

La stagione calda della cultura non poteva avere una partenza migliore, senza dubbio. E con la speranza di un celo sereno per il prossimo fine settimana, ci auguriamo che il boom si ripeta ancora una volta per Calici nel Borgo Antico.
Luigi Specchio
 

 
 

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x