venerdì, Giugno 14, 2024
Sanità

La ricerca sulla Fibrosi Cistica corre sui pedali: raccolti fondi


“Questo evento per la ricerca è molto importante perché la Fibrosi Cistica è una malattia che non si conosce e, con questa manifestazione, possiamo aiutare la ricerca. Solo nella tappa di oggi, grazie alla nostra associazione SOS Sorriso Clown Therapy, in collaborazione con Inner Wheel Club di Cerignola e Trani, il Centro di Ascolto Don Antonio Palladino e il gruppo scout Tornado, abbiamo raccolto 1000 euro, poi donati alla Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica”.

A parlare è Antonietta Tedeschi, portavoce dell’associazione SOS Sorriso Clown Therapy, che in insieme al gruppo scout Tornado ha animato la mattinata e reso possibile questa tappa della quarta edizione del giro “La Ricerca sui Pedali”, partito il 25 aprile da Torre Santa Susanna e che attraversando la Puglia terminerà lunedì 29 ad Alberobello.

“Un momento e un’occasione per parlare di Fibrosi Cistica, una malattia che toglie il respiro, ma non toglierà la voglia di parlarne e il sorriso”, dice il comunicato di presentazione dell’evento.

Una giornata di dialogo e conoscenza sulla patologia, il motto dei corridori del giro “Fare squadra contro la malattia e nella speranza”, dicono i corridori Oronzo della delegazione di ricerca di Brindisi Torre, Virginia della delegazione di Firenze, Rosario, volontario direttamente dalla Sicilia, e Roberto della delegazione Sarda.

Loro, i protagonisti di questa giornata, che prima della partenza hanno raccontato le loro esperienze dando modo di conoscere per bene tutte le sfaccettature di questa malattia a cui forse, grazie alla ricerca, si possa arrivare a una cura efficace.

Giuseppe Bellapianta



1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Avanti tutta
1 mese fa

Ce ne fossero di iniziative così, purtroppo il mondo è impegnato in cose molto più “serie”come la guerra e gli stupefacenti.Se avesse come unico nemico la fibrosi cistica avrebbe ben altri pensieri per la testa e capirebbe l’importanza della vita.
Bravi,bravissimi a tutti quelli che si sono adoperati in questo progetto

1
0
Commenta questo articolox