lunedì, Maggio 20, 2024
Cronaca

“Se vuoi lavorare devi schiattare”: noto imprenditore di Cerignola condannato per estorsione

"Se vuoi lavorare devi schiattare": noto imprenditore di Cerignola condannato per estorsione

“Se vuoi lavorare con noi devi schiattare, altrimenti resti a casa”. Cinque persone della BetonCifaldi sono state condannate, con una pena di tre anni e sei mesi, dal Tribunale di Foggia (anche) per estorsione per aver esercitato pressioni indebite nei confronti di alcuni dipendenti della loro ditta. Secondo il giudice Pierluigi Minieri, infatti, ai lavoratori era fatto obbligo di esercitare orari differenti da quelli previsti “con la minaccia” di licenziarli “qualora non avessero acconsentito a lavorare venti ore consecutive, a svolgere attività diverse da quelle previste per i loro profili professionali e a dipingere i silos senza i necessari dispositivi di sicurezza”.
I lavoratori vittima di estorsione, quindi, hanno inteso denunciare- attraverso il legale Rosa Mennuni- tutti i fatti oggetto di contestazione già nel 2013 e soltanto il 16 maggio scorso, dieci anni dopo, è arrivata la sentenza di primo grado che ha condannato gli imprenditori Cifaldi e un altro dipendente con ruolo direttivo a loro strettamente collegato.
Dunque, secondo la ricostruzione dei magistrati, la minaccia di licenziamento serviva ad ottenere funzioni e attività ulteriori rispetto a quelle pattuite con apposito contratto: “Non occorrono persone che si lamentano, sai quanta gente troviamo al posto” erano soliti dire gli imprenditori per indurre i denuncianti a svolgere altro tipo di mansioni “senza pause e senza dispositivi di sicurezza, così conseguendo l’ingiusto profitto pari al risparmio sui costi relativi al rispetto dell’orario di lavoro e all’adozione delle cautele antinfortunistiche”.
La condanna a tre anni e sei mesi arriva anche per contestazioni specifiche.

Il 26 ottobre del 2010, a seguito del crollo di un solaio, un dipendente è vittima di un infortunio sul lavoro. Anche in quel caso, si legge in sentenza, arriva puntuale la minaccia di licenziamento qualora l’uomo avesse denunciato l’incidente sul posto di lavoro. Non solo, perché nella lunga denuncia dei dipendenti vengono messi in rilievo ulteriori fatti oggetto di contestazione da parte della magistratura, per alcuni dei quali è però intervenuta la prescrizione.

“È stata una lunga battaglia legale che ha dato giustizia ai lavoratori. Certo, c’è poco da festeggiare perché per molti di loro è stato poi difficile – anzi impossibile per uno di loro- trovare un lavoro, ma il Tribunale ha riconosciuto la buona fede e l’affidabilità dei loro racconti. I miei assistiti – commenta l’avvocato Rosa Mennuni- sono stati costretti a lavorare in condizioni igienico-sanitarie da terzo mondo, ad essere costretti a firmare carte in bianco, con la minaccia di essere licenziati in qualsiasi momento, ad “obbedire” a tutti gli ordini aventi ben poco a che fare con il lavoro e lesivi di ogni dignità dei lavoratori”.

“Abbiamo deciso di intraprendere il percorso penale, anzichè rivolgerci al giudice del lavoro, perchè le vittime non si dolevano solo di un danno economico, come poteva essere il mancato pagamento delle ore straordinarie effettuate, ma soprattutto si dolevano di una lesione alla loro dignità di uomini prima e di lavoratori poi”, conclude Mennuni.


Subscribe
Notificami

20 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
È un mio punto di vista!!!
11 mesi fa

Mettete le loro foto su tutti i giornali .
E di conseguenza fateli spaccare i sassi questi sfruttatori. ..

Vergognoso
11 mesi fa

E’ il modello di lavoro che vuole instaurare questo governo. Camerieri , baristi , pizzaioli e stagionali già subiscono questi contratti fasulli dove ti fanno lavorare 12/13 ore al giorno sempre con la stessa retribuzione.I proprietari si lamentano di non trovare personale perché li pagano male!! Agli stagionali gli offrono 1400 euro per 30 giorni lavorativi a 13 ore al giorno ,

Meglio disoccupato che sfruttato
11 mesi fa
Reply to  Vergognoso

Ti sei dimenticato di dire che nel compenso di 1400 euro mensili è comprensivo di ferie, tredicesima e tfrr! In pratica pagati 2, 50 all’ora.

Meglio disoccupato che sfruttato
11 mesi fa

A Cerignola 30 euro al giorno dalle ore 17 alle… fine notte! Senza contributi, senza ferie, senza tredicesima, senza tfr e senza diritti! E in più i datori di lavoro si lamentano che c’è gente che non vuole lavorare nonostante ci sia il lavoro! Mai ,mai , mai, i panzerotti e le patatine li friggano loro e ai tavoli ci andassero loro a servire. Meglio disoccupato che sfruttato

cifaldi!! ho detto tutto
11 mesi fa
Reply to  Vergognoso

che c’entra questo governo se i fatti risalgono a molti anni fa? ma perche’ parlate a copocchia senza capire un cazzo?? qualsiasi argomento va a finire su i partiti di destra o sinistra…..inter o juve. Qui si parla di imprenditori pezi di merda che fanno i loro interessi a discapito di disgraziati…..si tratta di dignita’. In questi casi a mio parere bisogna agire e farsi rispettare. Punto. Io vengo licenziato ma tu sulla sedie a rotelle.

donato
11 mesi fa

ma lo STATO ITALIANO poco importa di queste situazioni nel mondo del lavoro………….problema che esiste da decenni e decenni…………….per non parlare dei sindacati del caxxio!!!!

Francesco
11 mesi fa
Reply to  donato

Sei disinformato, la Cgil e alcuni partiti politici si stanno battendo da anni per instaurare la paga minima oraria per legge di almeno 10 euro l’ora. Sai chi è contrario a questa legge? Il governo attuale, perché deve tutelare i proprietari di queste attività essendo loro elettori in quanto partite Iva, facendo si che queste figure lavorative continuano ad essere sfruttate. E tutto un tornaconto politico che ve a discapito delle fasce più deboli.

Lobotomizzati questo siete
11 mesi fa
Reply to  Francesco

Dopo 10 anni di governo PD come mai non si è stabilita per legge la
Paga oraria minima?
Fratelli d’Italia era un minuscolo partito di opposizione.
Siete 4 pecoroni al pascolo che come beoti ripetono la solita canzoncina e ci credete anche!
Qua non si tratta di essere ridicoli o patetici, qui siamo all’idiozia conclamata.
10 anni di governo PD!!!! Oooooooo ruspgghiatvvvvvvvv

Lobotimizzato sei tu
11 mesi fa

Perché in quei governi c’erano i Salvini e i Berlusconi, e i Renzi il PD non ha mai governato con un governo di maggioranza di csx. Se così fosse come dici tu perché il governo attuale non la fa la legge sulla paga oraria minima? Tu sei accecato dal PD, ti capisco ……. le visualizzazioni sono ridotte al minimo, non ti caga più nessuno

Un operaio
11 mesi fa

Posso farti una domanda? Oggi c’è un governo politico di destra con una larga maggioranza parlamentare. Secondo te nel momento chenon fanno una legge sulla paga minima oraria difendono gli interessi di quale categoria?

Indignato
11 mesi fa
Reply to  Un operaio

Non ci siamo capiti.. anche se fanno la tariffa minima a 100 euro l’ora bisognerà sempre firmare carte false alle aziende.. anzi verranno anche agevolate perché dichiarano di pagare più tasse

Ossessionato da una sconfitta
11 mesi fa

Il PD,IL PD, IL PD, IL PD, IL PD, IL PD, IL PD, IL PD, IL PD, IL PD, IL PD, IL PD, IL PD, IL PD ,IL PD, IL PD, EMILIANO, EMILIANO, EMILIANO, EMILIANO, EMILIANO, EMILIANO, EMILIANO, EMILIANO, sto diventando pazzo dentro la mia cameretta, sono ossessionato dal PD

cifaldi!! ho detto tutto
11 mesi fa

ben detto. ma veramente ci vuole tanto? come si fa’ ad essere cosi ciechi e sordi?

Indignato
11 mesi fa
Reply to  Francesco

Tariffa minima sulla carta, chi controlla se poi viene applicata?
È necessario sottostare ai ricatti, firmare buste paghe più alte di quello che si percepisce oppure fare 12..13 ore e ritrovarsi con 8 ore lavorative compreso ferie, tredicesima turni contributi statali etc.etc.

Indignato
11 mesi fa
Reply to  Francesco

Potete dire ciò che vi pare, ma x avere un minimo di reddito bisogna accettare i ricatti delle aziende, solo i dipendenti pubblici o statali o di grandi spazi hanno tutti i diritti

cifaldi!! ho detto tutto
11 mesi fa
Reply to  Francesco

premessa che non sono ne di destra e ne di sinistra, ma perche’ si parla ora di contratto con paga minima? l’anno scorso c’era il governo Covid, perche’ non si e’ fatto nulla?la paga minima puo’ essere un’arma a doppio taglio…..con tutti gli extracomunitari non regolari.

Lino
11 mesi fa

Il Fatto è che questi non si rendono conto che la vita costa!
Solo di spese fisse per chi non è proprietario di immobile, vanno via ogni mese, circa:
Per una famiglia di minimo 3 componenti, indicativamente.
€ 400 / 500 Fitto
€ 70 Luce
€ 90 / 350 Gas a seconda dei mesi (freddi e caldi)
La Spesa per mangiare, senza sperpero di cibi spazzatura come bevande zuccherate e alcolici, vanno via 300 / 400

Roberto85
11 mesi fa

Un’ azienda seria, che tutti a Cerignola conoscono, vantata dai suoi stessi operai per la serietà che la contraddistingue. Consiglierei a tutti i leoni da tastiera di aspettare i tre gradi di giudizio prima di sparare sentenze.

cifaldi!! ho detto tutto
11 mesi fa
Reply to  Roberto85

vantata dai suoi stessi operari non proprio. Conosco alcuni che non parlano prorprio bene dei Cifaldi.

Imprenditori del c...
11 mesi fa
Reply to  Roberto85

Dici la stessa cosa sotto tutti gli articoli. Quanto ti hanno pagato? O hai paura di perdere il lavoro?

20
0
Commenta questo articolox