venerdì, Luglio 19, 2024
Cronaca

Furto nella Chiesa di Cristo Re: rubate offerte e corona in oro


“La nostra comunità educativa e pastorale del quartiere di Cristo Re della città di Cerignola, questa mattina si è svegliata trovando le mura della sua chiesa “violate” da soggetti fragili che pur di dare libero arbitrio alla propria condizione di fragilità, hanno ben pensato di privare la nostra parrocchia di alcuni suoi beni”. Così il parroco don Fabio Dalessandro commenta la notizia del furto avvenuto nottetempo nel luogo di culto.


“La nostra realtà parrocchiale di Cristo Re, una tra le più grandi e popolose della città di Cerignola, operante da più di 50 anni nel quartiere dello “scarafone” o del “senza Cristo”, che da sempre ha fatto della prevenzione, dell’educazione alla gioventù, la sua mission, ispirandosi al carisma di don Bosco, ancora una
volta è stata preda del gioco trasgressivo e illegale di “anime fragili” e prive di alcun progetto e “sogno di vita”.

“Questa mattina, quando le porte della nostra chiesa venivano aperte ai fedeli, ci si è resi conto di alcune anomalie, tra cui: forzatura alla porta d’ingresso alla nostra sacrestia. Infatti, le “anime fragili” che hanno “giocato” all’interno della nostra chiesa, non solo hanno svuotato la
cassetta delle offerte ma hanno portato con sé diversi oggetti da un valore religioso piuttosto importante, tra cui: la corona in oro della statua di Cristo Re, la statua di Gesù Bambino di Praga con vestito decorato con filo d’oro. Un danno che ammonta intorno alle duemila euro e denunciato agli organi dei Carabinieri della città di Cerignola”, sottolinea il parroco.
“Ora, non si vuole denunciare la privazione di oggetti dal valore economico importante, o chi ha commesso tale reato, a noi preme denunciare quanto ancora una volta si avverte l’urgenza di educare alla legalità, al rispetto del bene comune e alla responsabilità civica e morale dei bambini, degli adolescenti, dei giovani e adulti.
Tale episodio diventa per la nostra comunità religiosa motivo per rimboccarsi le maniche e per dire:“dobbiamo fare di più, dobbiamo arrivare anche a coloro i quali vivono in condizioni di “fragilità sociale” a aiutarli a gustare la bellezza del bene comune”. Quotidianamente operiamo per questa strada e il nostro Oratorio, la nostra Chiesa non ha cancelli chiusi ma
solo porte aperte. Per questo, continueremo ad educare al valore della lealtà come strumento di rivoluzione sociale”.


0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Commenta questo articolox