sabato, Marzo 2, 2024
Cronaca

Olio CBD, alimenti, infiorescenze ed altro: ecco Love Canapa Cerignola

Olio CBD, alimenti, infiorescenze ed altro: ecco Love Canapa Cerignola

Molta curiosità sta destando a Cerignola una realtà che ha aperto ufficialmente i battenti lo scorso 6 giugno e che propone al pubblico una merce su cui il dibattito tra pro e contro è tuttora aperto. Il negozio si chiama Love Canapa e, com’è facilmente intuibile, è specializzato nella vendita di prodotti derivati da questa pianta.

Il negozio, situato in pieno centro, mette in commercio una vasta gamma di articoli che vanno dall’oggettistica (accendini, posaceneri, pipe) agli alimentari (leccalecca canapa e cioccolato o canapa e fragola, pasta, taralli, ciambelle, olio da condimento, farina, semi di canapa), dalle tisane agli amari, cosmetici, borse, zainetti, portamonete e, naturalmente, infiorescenze di cannabis light a scopo terapeutico contenente THC (il principio attivo della canapa) nella percentuale dello 0,5%, limite consentito dalla legge italiana. Il peso del contenuto vasetti delle infiorescenze varia dal grammo ai tre grammi. Si può anche acquistare la busta contenente 15 grammi.

Il quotidiano l’Attacco ha deciso d’incontrare il titolare di Love Canapa di Cerignola, Giuseppe Grieco, affinché possa illustrare bene la sua attività: “Si tratta di un franchising di un’azienda calabrese – ci spiega – Gestisco il negozio insieme a mio fratello. Stando al contratto che ho stipulato, il mio punto vendita è l’unico nel raggio di 30 km. Attualmente è l’unico presente in Puglia. In tutta la provincia, mi risulta che esistano solo altri due negozi specializzati nella vendita di prodotti derivati dalla canapa, uno a Foggia ed uno a Manfredonia, ma non fanno parte di questo franchising”.

Com’è nata l’idea di aprire una rivendita di prodotti derivati dalla canapa? E perché proprio questo tipo di prodotti? “L’idea è nata durante il periodo di lockdown – risponde Grieco – Per quanto riguarda il motivo, volevo fare qualcosa d’innovativo e di utile allo stesso tempo. All’inizio volevo dedicarmi all’abbigliamento con tessuto di canapa, ma poi ho pensato di ampliare la proposta al pubblico. Ho deciso allora di non limitarmi solo alle infiorescenze, ma di offrire tutto un ventaglio di prodotti basati sulla canapa che include gli alimentari, i cosmetici, amari, tisane e soprattutto l’olio CBD (cannabinoide) che è un estratto naturale della canapa”.


L’olio CBD è il prodotto che, con le infiorescenze, più interessa ed attira la clientela: “Non essendo un medicinale, non entra in contrasto con l’azione dei farmaci – ci dice il commerciante – Per questo motivo, l’olio CBD può essere assunto anche da coloro che sono sottoposti a chemioterapia. Può essere ingerito per via orale, sotto la lingua, tramite il contagocce. L’assunzione si basa sulla percentuale di CBD presente nell’olio che va dal 5% al 35%, percentuale che varia in base al peso corporeo ed alla patologia della persona. L’unico effetto collaterale possibile legato ad un eventuale abuso del dosaggio, compreso tra le tre e le cinque gocce, è la diarrea”.

I benefici del CBD sono oltre ventimila ed abbracciano cervello, occhi, ossa, pelle, polmoni, stomaco. Tra le tante proprietà della sostanza vi sono quelle antidepressiva ed antiossidante, l’attenuazione dei sintomi della gastrite, la riduzione del dolore causato dall’artrite reumatoide. Inoltre è un vasorilassante per il glaucoma, aiuta a gestire le crisi asmatiche, riduce l’acne e la psoriasi, allevia i dolori mestruali, è utile contro il morbo di Parkinson ed il diabete. Infine, può essere assunto anche da cani, gatti ed animali domestici, naturalmente seguendo uno scrupoloso dosaggio.

La clientela è piuttosto varia e le sorprese non mancano: “La clientela più anziana, dai 60 anni in su, è numerosa – rivela – È molto interessata all’utilizzo dell’olio CBD per combattere dolori reumatici, insonnia, Parkinson. I benefici si avvertono dopo un po’ di tempo, dopo circa due settimane. I ragazzi, invece sono più interessati alle infiorescenze. Ovviamente, per acquistare le infiorescenze occorre essere maggiorenni e mostrare un documento d’identità. I minorenni possono comprare liberamente oggetti, leccalecca, borse eccetera. In caso contrario, devono uscire dal mio negozio”.

Sebbene sia un centro di grandi dimensioni, per certi versi Cerignola conserva ancora una mentalità di provincia che è diffidente verso realtà “altre”. Di conseguenza, un certo timore riguardante l’accoglienza che un esercizio particolare come quello di Grieco poteva suscitare era giustificato. Invece, finora non ci sono stati problemi: “Manifestazioni di ostilità non ce ne sono state, anzi, devo dire che la curiosità è molto forte, soprattutto da parte di chi è più in là con gli anni, e questo è molto bello”. E per il futuro: “Mi piacerebbe allargarmi al settore dell’abbigliamento con tessuto di canapa che è molto resistente e molto caldo. Certo, è più difficile da lavorare, ma è qualcosa che mi interessa tantissimo. Intanto procediamo un passo alla volta”, conclude Grieco con un sorriso fiducioso. 

Giovanni Soldano, L’Attacco


0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Commenta questo articolox