All’asta le maglie di Colucci, il ricavato alle famiglie di Francesco Pio e Carmine

All'asta le maglie di Colucci, il ricavato alle famiglie di Francesco Pio e Carmine

Un’asta delle magliette indossate da Leonardo Colucci durante la propria carriera di calciatore e il cui ricavato sarà devoluto alle famiglie di Francesco Pio e di Carmine, i due giovani cerignolani periti in un incidente stradale lo scorso 6 dicembre: è questa l’iniziativa messa in piedi dal dottor Vincenzo Sgarro, diabetologo dell’ospedale “Tatarella” di Cerignola.

È lo stesso dottore Sgarro a parlare dell’asta a L’Attacco: “Il lunedì sera del prossimo 19 dicembre, in occasione della partita Audace Cerignola – Juve Stabia, l’assegno riportante la cifra ricavata verrà donato alle famiglie dei due ragazzi. E sarà proprio Leonardo Colucci a consegnare l’assegno ai familiari. Certo, mi priverò di cimeli di cui sono piuttosto geloso – continua il dottore con un sorriso – In virtù della nostra amicizia, ho chiesto a Leo di farmi avere le maglie di ogni squadra in cui avesse militato, e lui, nel corso della sua carriera, me ne ha sempre fatto dono”. Hellas Verona, Bologna, Cagliari, Modena, Cremonese sono alcune delle squadre in cui ha l’attuale allenatore della Juve Stabia nativo proprio di Cerignola ha militato e le cui casacche saranno messe all’asta.

Ma non finisce qui: “È acquistabile anche una maglia della squadra spagnola del Valencia, affrontata durante un’amichevole e da lui avuta in dono da un avversario a fine gara. Probabilmente sarà disponibile anche la sua maglia della Reggiana, attendo conferma”. Niente da fare, invece, per la maglia della Lazio zemaniana con la quale esordì e siglò la sua prima rete contro il Brescia nella massima serie nella stagione 1994 – 1995. Una rete che, quell’anno, regalò alla Lazio il secondo posto dietro alla Juventus di Lippi e ai danni del Parma: “Purtroppo si tratta di un cimelio introvabile”, afferma il dottore non rammarico. Infine una vera e propria rarità, una chicca per gli appassionati di calcio locale: si potrà acquistare la maglia numero 10 appartenuta a Leonardo Colucci risalente a quando, agli inizi degli anni 90, militava nel Cerignola.

Insieme al mitico Riccardo Carapellese, unico cerignolano a giocare in Nazionale e che ereditò il pesante ruolo di capitano del Torino dopo la tragedia di Superga, e a Nicola Amoruso, attaccante che militò tra le altre squadre anche nella Juventus, nel Napoli e nella Reggina, Leonardo Colucci è il profilo calcistico migliore prodotto dalla cittadina del foggiano. Il ricavato dell’asta di vendita delle sue maglie, attualmente di proprietà del dottor Sgarro, permetterà di donare un piccolo sollievo alle famiglie di Francesco Pio e di Carmine, la cui tragedia è ancora viva nei cuori e nelle menti della comunità cittadina: “Mi dispiace un po’ separarmi da queste maglie, ma è un atto doveroso verso le famiglie dei due ragazzi”, afferma il medico. Per informazioni sull’asta, il numero di telefono è 380 206 8357. L’IBAN per i versamenti è il seguente: IT15K0358901600010570643996.

Giovanni Soldano – tratto da L’Attacco


0 0 votes
Article Rating

2 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Van basten
1 mese fa

Ma è una barzelletta? Ma quanto sarà il ricavato?

Mille
1 mese fa
Reply to  Van basten

1000. Lire

2
0
Commenta questo articolox