La candidatura di Metta diventa un (brutto) caso nazionale

La candidatura a sindaco di Metta nonostante l’incandidabilità comminata dalla Corte d’Appello di Bari diventa un caso nazionale. Infatti, fino a sentenza definitiva, il provvedimento non avrà efficacia e quindi fino a quando non si esprimerà la Cassazione (che non interviene nel merito della decisione) Metta potrà gareggiare al pari degli altri. Cosa succederà dopo, invece, è tutto un rebus. A parlarne è Il Fatto Quotidiano con un articolo dedicato alla singolare situazione del cicognino. Ricostruite le cause dello scioglimento per mafia, dalle frequentazioni agli appalti controversi, il giornale tratta la composizione delle liste: con Metta, come si ricorderà, c’è anche L’Altra Italia, fresca di scandalo con il segretario nazionale Mino Cartelli ai domiciliari (ieri infatti non era presente al meeting mettiano) e con uno dei componenti del partito, Franco Merafina (candidato con Metta), destinatario dell’obbligo di firma. Per loro, secondo la Procura, un giro di firme false e candidati a loro insaputa per intraprendere le elezioni in diversi piccoli comuni italiani.

Ma non è tutto: anche il senatore Marco Pellegrini lancia l’allarme. “L’incandidabilità non è ancora definitiva ma ragioni di opportunità e il rispetto dello spirito dell’art. 54 della Costituzione avrebbero dovuto indurre il Metta ad astenersi dal candidarsi in questa tornata e, magari, riproporsi ai cittadini all’esito, eventualmente a lui favorevole, della sentenza della Cassazione”. Una vicenda, aggiunge Pellegrini, che trova “poco o nulla risalto in ambito regionale e quello nazionale, come se il problema non esistesse, come se fosse tutto normale che nella terra in cui c’è una emergenza nazionale mafiosa, si possa ricandidare un sindaco appena fatto decadere dallo scioglimento e di cui si attende la pronuncia definitiva in merito all’incandidabilità”.

Il Presidente della Commissione Parlamentare antimafia, Nicola Morra, interviene sul tema: “Quando nel luglio 2019 il comune di Cerignola era già sotto attenzione da parte degli organi preposti l’allora sindaco, che ora si ripropone, tuonava in diretta FB “Basta rompere i coglioni, non siamo mafiosi”. Poi ad ottobre, 3 mesi dopo che qualcuno si era permesso di rompere i cogxxoni, il comune fu sciolto. Ora dipende soprattutto dai cittadini da quale parte stare”, dice Morra.

5 1 vote
Article Rating

28 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Inkazzato e basta
1 anno fa

Stare dalla parte che ognuno di noi elettori riterrà più giusta.
Le cronache sono piene di processi, con colpevoli poi assolti, dissolti come neve al sole.
Viva la libertà e il libero pensiero ,senza essere servi di nessuno.

Cittadino
1 anno fa

Viva Cerignola, libera dai mafiosi!

Massimo
1 anno fa

Dalla parte di cui stai tu. Viva la legalità e la gente onesta. Fuori i mafiosi e delinquenti!

Inkazzato e basta
1 anno fa
Reply to  Massimo

Il voto è libero e ognuno decide come vuole,libero da ideologie,condizionamenti,pregiudizi,processi sommari in piazza, ecc….
Viva la libertà.

Stop a Frengo
1 anno fa

Si tutto quello che vuoi. Però paga le tasse .

Dartagnan
1 anno fa
Reply to  Massimo

Concordo pienamente, e i per i mafiosi dovrebbero essere previste pene più dure nei fatti e non nelle chiacchiere per favorire un proprio amico. E i fatti sono che a capo del DAP è stato preferito Petralia a Di Matteo notoriamente più duro con i mafiosi. Atteniamoci ai fatti e non alle chiacchiere.

Massimo
1 anno fa
Reply to  Dartagnan

Cerignola delle favole che tu racconti non c’entra nulla! Vuoi far credere che il consiglio dei ministri e la politica nazionale avevano il tempo per occuparsi di un piccolo comune di 60mila abitanti? Foggia, Manfredonia e Cerignola accumunate tutte da una stessa situazione! E un caso? Tutti noi conosciamo la realtà locale e il livello di malaffare e insicurezza che ci attanaglia . Palamara, Di Matteo , Magistratura politicizzata sono tutti argomenti di natura nazionale e che nulla hanno a che fare con la nostra realta’!! È la giustificazione di chi scappa dalle proprie responsabilità e cerca di non dare… Leggi il resto »

Dartagnan
1 anno fa
Reply to  Massimo

Intanto il tempo per venire a Cerignola a fare comizi o video lo hanno trovato!

La verità è che Cerignola nel suo piccolo ha fatto scuola nella politica a livello nazionale e tutti vorrebbero governarla, ma c’è chi ha appoggi e chi no perchè schietto e senza modi. Ma sinceramente ho imparato a guardarmi da chi ha il miele sulla bocca piuttosto che da quelli che sono sanguigni e non pensano alle conseguenze prima di dire quello che pensano.

Baccalà
1 anno fa

Cerignola non vuole questi loschi figuri

Dartagnan
1 anno fa

Siamo stanchi della dittatura politica e della magistratura. Fino a sentenza definitiva la costituzione ci garantisce l’innocenza e pertanto la candidabilità che tra cinque anni sarebbe troppo tardi.

Ma Palamara ed in ultimo il caso dell’Utri nulla Vi ha insegnato?

Il mio sindaco lo decido Io e non i giochi di palazzo.

Inkazzato e basta
1 anno fa
Reply to  Dartagnan

Ben detto.
Comunque aspettati critiche e insulti da chi non la pensa come te.

Dartagnan
1 anno fa

Ma di che stiamo parlando?? Invece di inveire contro chi ha dato risultati, ci spiegassero perchè a capo della polizia carceraria dopo averglielo promesso non è stato messo l’unico in grado di gestirlo e cioè Di Matteo preferendo uno più morbido. Così vogliono combattere la Mafia? Quella vera però?

Un lettore
1 anno fa

Ma tu un lavoro ce l’hai ? Sei sempre a commentare, ma nella vita non fai un ca..o? Vai da Vespa a porta a porta, li cercano opinionisti.

Dartagnan
1 anno fa
Reply to  Un lettore

Problemi con la verità hai?

Un lettore
1 anno fa
Reply to  Dartagnan

E tu cosa c’entri? Io ho risposto a inkazzato e basta. Ahahaha! Ho capito , sei una delle due facciate della stessa medaglia . Coniglio

Dartagnan
1 anno fa
Reply to  Un lettore

Forse intendevi Boniglio??

Un lettore
1 anno fa
Reply to  Dartagnan

No ! Frengo Belfagor

Inkazzato e basta
1 anno fa
Reply to  Un lettore

E tu serpente strisciante sei.

Un lettore
1 anno fa

Tu hai problemi, fatti guardare da un psichiatra, forse soffri di bipolarismo , una persona che si presenta come Dartagnan e risponde come inkazzato e basta!! Uno che si fa domande e discorsi e si risponde da solo con un altro nickname ! Curati

Inkazzato e basta
1 anno fa
Reply to  Un lettore

Sono solo e unico non ho repliche, non ho bisogno di sdoppiarmi o cambiare nome.
Sei confuso e parli a vanvera,smetti di usare sostanze allucinogene. Disintossicati.

Inkazzato e basta
1 anno fa
Reply to  Un lettore

Veramente sto finendo le ferie non godute,non le rimborsano altrimenti le perdo,questo prevede il CCNL.
A differenza tua che stai perennemente in ferie sulla panchina della villa,e magni col RDC.

Baccalà
1 anno fa
Reply to  Un lettore

Sarà sempre la maschera Costante Bars a parlare,probabilmente gestita da piu persone .

!!!!!
1 anno fa
Reply to  Dartagnan

L’amministratrice Metta è stata sciolta dal consiglio dai ministri su segnalazione del prefetto di Foggia dopo indagine delle forze dell’ordine !!!!!!!!!!

Dartagnan
1 anno fa
Reply to  !!!!!

Tu credi alle favole, approfondisci meglio e sentirei che puzza ne esce.

!!!!
1 anno fa
Reply to  Dartagnan

La puzza che tu dici è quella che sentivo uscire dal palazzo della città!!! E che puzza!!!

Dartagnan
1 anno fa
Reply to  !!!!

Hai ragione……………..

!!!!
1 anno fa
Reply to  Dartagnan

Si ma sai chi c’era dentro? La giunta Metta!!!!!

Dartagnan
1 anno fa
Reply to  !!!!

Hai sempre ragione……..

28
0
Commenta questo articolox