Certificati vaccinali, Valentino: “Battaglia di trasparenza vinta dai cittadini”

Certificati vaccinali, Valentino: "Battaglia di trasparenza vinta dai cittadini"

“Accogliamo con favore la decisione del direttore generale della ASL di Foggia di rilasciare ai vaccinati un attestato ad ogni somministrazione, indipendentemente dal fatto che sia la prima o la seconda. È una battaglia che Cittadinanzattiva ha inteso onorare avanti fino in fondo in nome dei tanti cittadini che, soprattutto a Cerignola, ma anche in altri (pochi) centri della Puglia, sono rimasti spiazzati di fronte alla disorganizzazione delle ASL”. Così Matteo Valentino commenta il risultato ottenuto da Cittadinanzattiva Puglia dopo le rimostranze da parte dei docenti (e non) pugliesi che lamentavano di non aver ricevuto alcuna attestazione da parte degli uffici competenti.

“Mentre in tutta Italia il rilascio di un attestato con le indicazioni delle date di somministrazione, del lotto di appartenenza e del medico somministrante è un fatto acquisito e piuttosto ovvio, in Provincia di Foggia abbiamo assistito ad una tiritera di inutili polemiche e smentite a loro volta smentite. Siamo sempre stati convinti – prosegue il segretario regionale Valentino- dell’efficacia della nostra proposta, soprattutto dopo esserci confrontati con il Dipartimento della Sanità della Regione Puglia”.

“Personalmente ho patito sulla mia pelle il Covid e so quanto sia importante, per i pazienti, essere parte integrante di un sistema che funzioni e che risponda alle esigenze impellenti prima, durante e dopo la malattia. Il nostro contributo, che da 41 anni rappresenta la mission dell’associazione in tutta Italia, è stato orientato alla risoluzione di un palese disguido. Certo, dispiace notare come per il banale rilascio di una attestazione – pratica attuata in tutta Italia-  alla ASL di Foggia sia servita invece una settimana per applicare l’ovvio. Magra consolazione: meglio tardi che mai”, conclude Matteo Valentino.

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x