Caos al Centro Vaccinale di Cerignola: “Condotte contro le disposizioni regionali”

Caos al Centro Vaccinale di Cerignola: “Condotte contro le disposizioni regionali”

“La certificazione della vaccinazione – contenente tra le altre cose il numero del lotto di appartenenza del vaccino – va consegnata sia alla prima dose che alla seconda. A confermarcelo, interpellato opportunamente, è lo stesso Dipartimento della Salute della Regione Puglia: sorprende invece quanto sta succedendo a Cerignola, all’Ufficio Prevenzione diretto dalla dottoressa Viviana Balena, di cui si sono lette fantasiose e gravi interpretazioni della norma”. 

Sono queste le parole del segretario regionale di Cittadinanzattiva Puglia, Matteo Valentino, che interviene sul caos registrato al Centro Vaccinale di Viale Giuseppe Di Vittorio a Cerignola. Molti insegnanti e dirigenti scolastici – preoccupati dalla possibilità di aver assunto, come successo ad altri colleghi cerignolani, il vaccino del lotto ABV2856 poi ritirato per verifiche- hanno scoperto di non aver ricevuto alcuna certificazione che attestasse l’avvenuta vaccinazione.

“Una pratica grave, contro le disposizioni regionali, mentre nel resto d’Italia agli insegnanti, alle forze dell’ordine e agli anziani è stato rilasciato il documento con tutti gli estremi utili e personali. Il Centro Vaccinale di Viale Di Vittorio, invece, ha fatto sapere che tutto verrà rilasciato a fine seconda dose di vaccino o solo su richiesta: si tratta di una presa di posizione su cui il Direttore Generale Vito Piazzolla è chiamato ad intervenire con urgenza”, commenta Matteo Valentino.

“Da parte nostra, invece, sarà immediata una comunicazione urgente all’assessore alla sanità della regione Puglia, Pier Luigi Lopalco, affinché verifichi come organo politico le procedure che, mai

come in questo periodo così delicato, devono essere trasparenti e lineari. Come Cittadinanzattiva registriamo simili condotte in altri due centri vaccinali nell’ASL Taranto e ASL Bari. Il rischio imperdonabile è che comportamenti di questo tipo possano contribuire a far saltare un piano vaccinale che invece è salvifico”, aggiunge Matteo Valentino.

“Ed è sconcertante, che in un’intervista “anonima”, dall’Ufficio Prevenzione di Cerignola diretto dalla Balena si accusi di aver adottato iter non previsti chi invece ha consegnato regolarmente le certificazioni. È evidente che urgono provvedimenti da parte della ASL di Foggia per un istantaneo ritorno alla normalità e alla credibilità”, conclude il segretario regionale di Cittadinanzattiva.

marchiodoc_certificato-vaccino
marchiodoc_certificato-vaccino
5 1 vote
Article Rating
3 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Ospite
4 mesi fa

Finalmente l’ovvio viene fuori. Interviste fatte da altre testate cittadine senza citare chi abbia rilasciato tali dichiarazioni (facile capire chi sia) fanno pensare che quella di non consegnare nulla alla prima dose sia prassi comune, invece (come è ovvio) non è così.
Ottimo Cirulli

Che schifo fate???
4 mesi fa
Reply to  Ospite

Invece di parlare di caxxate come questa perché non parliamo dei dipendenti ADL TUTTI VACCINATI CON PFIZER SENZA AVERNE NECESSITÀ!!??
Portinai, amministrativi, passacarte, facchini, perditempo, tutti nella ASL impiegati sono stati vaccinati con Pfizer!
Questa è una vergogna non altre!!
Ricevono solo su appuntamento quando ne hanno voglia, sono super protetti, plexiglass, mascherine a go go con cui riforniscono tutta la famiglia, si entra uno alla volta, ti trattano come untori e fanno pure il vaccino??
Secondo voi sono realmente alla pari di medici ed ospedalieri??
Ma andate aff……

Stufo
4 mesi fa

Redazione, ci sono persone fra cui bar, ristoranti, palestre, negozi, parrucchieri e parrucchiere che sono allo stremo. Ci sono persone che hanno perso il lavoro. C’ é malessere diffuso. La mia domanda é( per poi fare le giuste proporzioni): ma é possibile tramite un medico, o un infermiere o chiunque stia in ospedale, non ci sia uno, dico UNO che ci dica, anche tramite gli organi di stampa, quanti ricoverati in terapia intensiva, ossia quanti ricoverati effettivamente gravi ci sono al Tatarella? È così difficile contattare qualche eroe per farsi aggiornare su quelli che sono i numeri dei pazienti che… Leggi il resto »

error: Marchiodoc.it ®
3
0
Commenta questo articolox
()
x