“Non violentò la bambina”: assolto dopo 4 anni





Assolto perché il fatto non sussiste. Un cerignolano di 61 anni accusato di violenza sessuale nei confronti di una bambina di 6 anni, nipote acquisita: i fatti contestati dalla Procura risalgono all’estate del 2016. La sentenza è stata pronunciata dal Tribunale di Foggia; il pubblico ministero al termine della requisitoria aveva chiesto la condanna dell’imputato a 12 anni di reclusione, ritenendo il racconto della bambina lineare e credibile; l’avvocato Carmela Caputo sollecitava l’assoluzione, sostenendo l’infondatezza delle accuse poi rettificate dalla bambina che sarebbe stata indotta ad accusare l’uomo.

Il cerignolano che si è sempre dichiarato innocente respingendo le infamanti accuse, era imputato a piede libero. I giudici si sono riservati 90 giorni per depositare le motivazioni della sentenza assolutoria. L’indagine fu avviata nel settembre del 2016 quando i genitori della bambini denunciarono che la figlia aveva confidato loro d’essere stata molestata qualche giorno prima dal parente acquisito. Per due volte – contesta la Procura – l’uomo trovandosi da solo in casa con la piccola l’avrebbe molestata sessualmente.

La Procura dispose intercettazioni telefoniche e consulenza affidata a psicologi perchè, con tutte le cautele del caso, ascoltassero la piccola: la consulenza dell’accusa parlò di attendibilità della bambina ed escluse che la minore potesse essere stata suggestionata. Sulla scorta di questi elementi la Procura chiese e ottenne il rinvio a giudizio del cerignolano. Poi il processo ed infine la sentenza di assoluzione.





0 0 vote
Article Rating
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Bongo
3 mesi fa

Ma per una condotta diffamatoria di questa portata, chi ha perpetrato ciò farà almeno una decina di anni in galera? Hanno comunque rovinato la reputazione e la vita di quest’uomo, perchè da noi si leggono solo le accuse e mai le assoluzioni.

error: Marchiodoc.it ®
1
0
Commenta questo articolox
()
x