Differenziata, si parte (non bene) con altri due quartieri di Cerignola

Differenziata, si parte (non bene) con altri due quartieri di Cerignola




Il cammino è lungo e di certo l’inizio non è affatto incoraggiante. Dal 4 ottobre Cerignola ha avviato il suo percorso verso la differenziata ma i disguidi sono all’ordine del giorno: i primi due quartieri che hanno inaugurato la “porta a porta”, ossia San Samuele e Fornaci, sono la cartina di tornasole di un’impresa che dovrà coinvolgere tutta la città entro la fine dell’anno. La raccolta differenziata Porta a porta è iniziata dalle periferie e gradualmente si sposterà verso il centro città. C’è però un dato da non sottovalutare: all’appello mancherebbero ancora 10 mila mastelli da consegnare ad altrettanti nuclei familiari, che dovevano già essere nella disponibilità della Tekra ma che, a quanto pare, il Comune non ha ancora fornito. Ritardi a parte, l’inizio della differenziata sta creando problemi di natura tecnica (alcuni cittadini lamentano raccolte fuori orario) e di organizzazione (molti cerignolani prendono d’assalto cassonetti di altri quartieri per sversare la propria immondizia).

“Stiamo lavorando in sinergia con gli amministratori comunali, della Curia e del Clero tutto, delle associazioni ambientalistiche cittadine e della stampa nell’interesse del bene comune affinché il servizio della raccolta differenziata decolli”. È questo quanto riferisce Alberto Manganiello, Direttore Tecnico
della Tekra srl ( affidataria del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani), il quale sottolinea : “Stiamo facendo un lavoro in salita, ma questo non ci spaventa. Nei giorni scorsi abbiamo incontrato S.E. Luigi Renna, che ci ha esortato ad andare avanti, assicurandoci il suo sostegno con un manifesto diretto alla
comunità. La tutela del bene comune, della salvaguardia dell’ambiente oltre ad essere una priorità è oramai una necessità. Non siamo disponibili a prestare il fianco a sterili ed inutili provocazioni, il nostro lavoro lo facciamo alla luce del sole e sotto gli occhi di tutti. Il cammino è lungo e intendiamo coinvolgere in questa
sfida per la tutela del territorio l’intera comunità cerignolese. Uniti si va lontani”.

Nel frattempo la gara ponte avviata dal Comune per la gestione della raccolta dei rifiuti ha subìto uno stop per ulteriori chiarimenti da parte delle due aziende che hanno partecipato: la Tekra, che attualmente gestisce il servizio, e la Teknoservice. Probabilmente per la fine del mese dovranno essere resi pubblici gli esiti della gara. Nel frattempo la Tekra dà avvio al secondo step di differenziata porta a porta anche nei quartieri Torricelli e Montagnola: per questo motivo si fanno frequenti gli incontri nelle parrocchie per un’attività di sensibilizzazione al tema e per campagne informative in vista dell’eliminazione definitiva dei cassonetti che consentirà il passaggio al nuovo modello di raccolta dei rifiuti.





0 0 vote
Article Rating
13 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Michele
1 mese fa

Partire senza le Basi per poter effettuare la raccolta differenziata, non è polemica.

Semplicemente incompetenza.

Perché iniziare, se non si è pronti al 100% ?

Ospite
1 mese fa

Ai concittadini e alle ditte che prendono d’assalto i bidoni ancora presenti in giro gettandoci di tutto (compresi rifiuti sanitari): VERGOGNATEVI!!

nat
1 mese fa

domanda alla Tekra

sul bugiardino dato con i secchi leggo che devo separare 5 tipi di cose ,perchè i secchi sono 4?????

1-organico

2-secco residuo (a capire meglio cosa intendono)

3-carta-cartone tetra pak

4-vetro

5-plastica e metalli

sperando che qualcuno di loro legga ,e risponda

Natascio
1 mese fa
Reply to  nat

Il secco residuo per esempio sono i pannolini, gli assorbenti, i piatti ed altre cose che potresti cercare su google invece di stare giornate a cazzeggiare sui social. I contenitori sono 4 perché in uno, nel giorno per la carta devi mettere la carta e in un altro giorno devi mettere un altro residuo.

nat
1 mese fa
Reply to  Natascio

io cazzeggio ma tu non scherzi nel cazzeggiare ,se rispondi cosi vuol dire che sei tu il c…..giatore e c…..glione seriale,,,,che sta sui social

Natascio
1 mese fa
Reply to  nat

I bidoni grandi ci sono ancora perciò sai dove puoi andarti a buttare… e da ora sai pure perché non li hanno ancora tolti del tutto.

Claudio
1 mese fa

Molta gente lascia le buste per terra per paura che si rubano i cestelli
Solo plastica e carta devono andare nelle buste semitrasparenti senza cestello.
L’umido va in busta all’interno del cestello marrone , il vetro in busta all’interno del cestello verde , e il secco residuo in busta all’interno del cestello blu.
Non rispettano il calendario , ovvero confondono la spazzatura della sera per quella della mattina successiva.
Eppure sta scritto chiaro :
Esporre la spazzatura dalle ore 21 alle ore 24 del giorno prescritto.
Bisogna spiegarlo terra terra in dialetto Cerignolese ?

Donna schifata
1 mese fa
Reply to  Claudio

Nemmeno…a cerignola non è possibile fare la differenziata perché non si può differenziare la merda dalla cacca ed il 70 % dei cerignolani è questo. Basta guardarsi attorno e guardare le facce…come vestono, come parlano, come guidano, ecc.ecc. Basta andare davanti gli istituti scolastici e osservare molte mamme..non tutte ovviamente, .quelle che dovrebbero dare l’ esempio in famiglia su tutto. Parlo da donna e dico che bisognerebbe vergognarsi. Le cose importanti sono altre..la pizza, le unghie, i social sul cellulare, altro che differenziata. Zona cimitero buttano ancora le cucine ed i materassi e water per strada, figurarsi…. L unico e… Leggi il resto »

Senza speranza
1 mese fa

Altro che strada in salita…la raccolta differenziata è una battaglia persa. Vedo ancora rifiuti di tutti i tipi volare dai finestrini delle auto…e ho detto tutto.

St_anco
1 mese fa

Il problema dei cerignolani è quello di essere ciucci e presuntuosi. Sono stati fatti degli incontri nelle parrocchie dei quartieri che hanno cominciato la differenziata, dove chiunque poteva fare domande e ricevere risposte in modo del tutto gratuito. In più c’è un numero verde messo a disposizione per fare domande.. ma capisco bene che sia più semplice lamentarsi. L’unica base necessaria è quella di livello elementare affinché si comprenda il testo sui volantini allegati ai bidoncini. C’è scritto chiaramente che: -) bidone marrone UMIDO -) bidone blu INDIFFERENZIATO -) bidone verde VETRO -) busta trasparente in dotazione per CARTA CARTONE… Leggi il resto »

Ciakit.....
1 mese fa
Reply to  St_anco

Come darti torto!! Capisci bene che i social sono indispensabili per vivere, respirare, esistere soprattutto. Già perché pur di esistere sui social si inventano vite inesistenti.. Ho visto donne di mezza età al mare farsi i selfie al mattino sotto l ombrellone grande in prima fila con cappelli di paglia ed agghindate di tutto punto, simulando di avere quell ombrellone e non quello in terza, quarta ecc.ecc.. Ragazze farsi fare i selfie dalle madri in pose che non esito a definire porno..pur di avere like, approvazione… Una massa di donne incapaci di mettere il fila una frase di senso compiuto… Leggi il resto »

Frida
1 mese fa
Reply to  St_anco

Solo una cosa non mi è chiara. Una volta terminate le buste date in dotazione verranno rifornite o dovremo acquistarle noi ?

CICCILLO
1 mese fa

OCCHIO A QUELLI CHE BUTTANO LA BUSTA DELLA SPAZZATURA NON NEI BIDONI DEL CENTRO MA PER LE STRADE.

NE STO VEDENDO UN SACCO PER STRADA.-………..

error: Marchiodoc.it ®
13
0
Commenta questo articolox
()
x