Antenne su chiese e palazzi storici: interviene la Soprintendenza

Di fianco ai rosoni e ai capitelli vi sono antenne e parabole di ultima generazione. Per questo la Soprintendenza ai Beni culturali ha chiesto all’amministrazione comunale di fare chiarezza sul perchà© quelle antenne siano finite sui principali luoghi di culto e palazzi storici della città  di Cerignola.

Una circostanza, questa, già  denunciata in prima battuta proprio dall’amministrazione comunale il 24 marzo scorso, quando il primo cittadino Franco Metta ammonì tramite social network: “”Una parabola sul Duomo? Io non ho mai autorizzato uno scempio del genere. Ne ordinerò l’immediata rimozione””. Quelle antenne, ormai da qualche anno, addobbano le facciate di diversi edifici storici: dal Duomo Tonti, appunto, alla Torre dell’orologio; dalla chiesa di Buon Consiglio a quella di san Domenico, passando per Palazzo Ducale.

Ogni strutture sembra avere la propria antenna bianca. Ci si interroga, soprattutto, su quale sia l’utilità  e a chi appartengano, fermo restando che qualsiasi soggetto sarebbe tenuto al rispetto dei dettami della Soprintendenza ai Beni culturali e artistici in fatto di installazioni di questo tipo. Le diverse segnalazioni arrivate a Bari, infatti, parlano chiaro: “”Al giorno d’oggi nessuno ha fatto nulla e sul duomo campeggiano delle orribili e invasive antenne paraboliche, che ne deturpano l’identità  architettonica e la bellezza complessiva. Ciò non solo sulla cupola del duomo, ma anche sui diversi campanili delle chiese della città  o su altri monumenti””, si legge in una delle segnalazione.

Per questo è stato sollecitato da parte dei cittadini un intervento della Soprintendenza per “”garantire la salvaguardia del Duomo nella sua integrità  ed identità “” attraverso “”il proprio parere e le proprie intenzioni di intervento su questo bene appartenente a una intera comunità , la quale si riconosce in un simbolo ancor oggi vivente nella propria identità  storica, religiosa, artistica e culturale””. Così la Soprintendenza ha formulato “”invito a voler fornire con la massima sollecitudine notizie in merito a quanto precisato””. La mole di antenne installate sulle Chiese locali ha sollecitato la curiosità  e in molti casi le proteste dei cittadini: difficile capire se queste antenne appartengano alla chiesa o siano state installate per altre attività : per questo la Soprintendenza vuole vederci chiaro, in collaborazione col Comune di Cerignola.

Michele Cirulli
{gallery}antenne{/gallery}

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x