Insieme per la legalità ‘ contro Metta: “”Nostre proposte non sostenute””

“”San Severo ha ottenuto risultati diversi rispetto a Cerignola perchà©, evidentemente, le Istituzioni sanseveresi hanno saputo accendere i riflettori sui problemi del territorio meglio delle Istituzioni cerignolane””. Così il comitato “”Insieme per la legalità “” sul mancato accoglimento delle richieste di commissariato di I livello a Cerignola, che invece è stato concesso a San Severo.

Il gruppo di attivisti- composto da semplici cittadini, movimenti politici giovanili di centrodestra e studenti- che nella primavera scorsa aveva coinvolto le scuole per una manifestazione pubblica di sensibilizzazione, attacca l’amministrazione guidata da Franco Metta e fa sapere che “”le nostre proposte sono rimaste incompiute perchà© non sono state sostenute con convinzione e promosse con forza da chi, in concreto, ha il potere di farlo. Noi, come semplici cittadini, è evidente che non abbiamo questo potere””, commentano gli associati.

Una serie di richieste, formulate nei “”patti urbani della sicurezza””, non hanno trovato riscontro, non solo per la mancata osservanza da parte dell’ente, ma anche a causa dello stop delle attività  del comitato, con membri che si sono affaccendati in altre questioni, come riferiva lo stesso portavoce Antonio Caringella. Nello specifico, si giustificano da “”Insieme per la legalità “”, “”la prima proposta formulata dal Comitato, volta ad istituire un organo di coordinamento cittadino per il monitoraggio delle problematiche e dei fenomeni di illegalità  dei singoli quartieri della città  di Cerignola, di fatto non ha avuto seguito a causa della difficoltà  riscontrata dal Comitato di creare un organo consultivo composto da cittadini volontari””.
Dopo il mea culpa, però, ci sono altre responsabilità  sui punti toccati dopo la manifestazione: la richiesta di aumento del numero di agenti e mezzi per la Polizia, la richiesta di una nuova sede per il Commissariato di Polizia (con auspicabile innalzamento a primo livello), la creazione di un protocollo d’intesa interforze tra Polizia Municipale, Polizia e Guardia di Finanza, il contrasto al gioco d’azzardo patologico attraverso un’azione preventiva più incisiva da parte della Polizia Municipale competente, l’emissione di Ordinanze da parte del Sindaco per sanzionare le violazioni del decoro urbano e l’occupazione abusiva del suolo pubblico, l’istituzione di un organo amministrativo per il monitoraggio e la segnalazione dei reati ambientali, l’istituzione di una banca dati comunale per il monitoraggio e il contrasto del fenomeno della dispersione scolastica e la promozione di iniziative di prevenzione dell’illegalità  da programmare in collaborazione con le scuole di Cerignola.

Su questi vi è stato il buio assoluto da parte delle istituzioni cittadine. “”A fronte del formale plauso da parte del Sindaco Metta e dell’interesse manifestato dall’allora Prefetto Tirone, tuttavia, ci duole evidenziare che, ad oggi, non abbiamo notizia della predisposizione e sottoscrizione dei suddetti Patti per la sicurezza urbana, mentre con riferimento alle altre proposte formulate dal Comitato e sottoposte al Sindaco, nulla di concreto è stato fatto””, dicono da Insieme per la legalità . Così, tra lassismo e sottovalutazione, il commissariato di I Livello va a San Severo.

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x