Attacco alla Lenoci, i dirigenti: “”Rammarico per le parole del sindaco””

Continua a dividere l’attacco del sindaco Franco Metta verso il dirigente scolastico della scuola Di Vittorio Lucia Lenoci, accusata di aver voluto boicottare le iniziative comunali del 25 novembre contro la violenza sulle donne, nella giornata appositamente dedicata. A prendere le difesa della Lenoci sono i dirigenti scolastici di Cerignola, pur con qualche eccezione.

“”La scuola di Cerignola- incalzano biasimando l’atteggiamento del primo cittadino- resta unita””.Di seguito la nota dei dirigenti.

Il 25 novembre 2017 le scuole di Cerignola hanno inteso partecipare all’iniziativa promossa dall’Assessorato alle Politiche sociali per celebrare la “”Giornata internazionale contro la violenza sulle donne””. Lodevole iniziativa dal valore altamente educativo per riflettere sulla parità  di genere, tema su cui la scuola deve continuare ad investire in una società  dove ragazzi e giovani sono abituati al consumo immediato e meno alla tolleranza e al rispetto del reciproco.

La “”Scuola di Cerignola””, nelle sue articolazioni di diverso ordine e grado, ha dato il giusto risalto alla giornata celebrativa, alcune partecipando direttamente all’iniziativa, altre dedicando momenti di studio e riflessione nelle rispettive sedi scolastiche, tanto e comunque nel rispetto e in piena coerenza con la programmazione didattica deliberata in via esclusiva dagli organi collegiali preposti.

Ciò premesso, i Dirigenti scolastici della “”Scuola di Cerignola””, Di Micco Anna, Mininno Salvatore, Mirra Pio, Panebianco Vito, Racanelli Maria, Specchio Giustina e Tarantino Loredana, intendono esprimere con forza la propria disapprovazione alle critiche mosse alla collega Lucia Lenoci nella trasmissione televisiva del Sindaco di sabato 25 novembre u.s, diffusa sul web.

Si biasima la dott.ssa Lenoci di non aver preso parte all’iniziativa per espressa volontà  personale a danno del suo ruolo istituzionale di dirigente scolastico, paventando interventi presso l’Ufficio scolastico provinciale, non si sa per quali azioni.

Giova rammentare che, ai sensi dell’art.25 del D.Lgs n.165/2001, al dirigente scolastico spettano autonomi poteri di direzione e di coordinamento delle risorse umane nel rispetto delle competenze degli organi collegiali. La partecipazione a iniziative, anche ad una sola giornata celebrativa, deve rientrare in una logica di progettualità  che per norma è coordinata dal dirigente, ma deliberata dai docenti, veri attori delle attività .

Il successo dell’iniziativa si deve alla “”Scuola di Cerignola””, senza di essa piazza Matteotti sarebbe stata deserta. Inappropriato rimarcare l’assenza dell’IC Di Vittorio-Padre Pio, che, al pari, dell’IC Carducci Paolillo e del V Circolo didattico, hanno ricordato la celebrazione con progettualità  diverse, ma che, comunque, ha tenuto alta la riflessione sul tema.

Respingiamo le critiche mosse alla collega Lucia Lenoci che, nella stessa giornata, ha coordinato presso la sua scuola un convegno altamente significativo sul tema.

Ci rammarichiamo degli attacchi alla dott.ssa Lucia Lenoci, nella sua veste istituzionale di dirigente scolastico, da parte del Sindaco, rappresentante legale del Comune di Cerignola, perchà© di grave nocumento alla percezione sociale della Scuola, impegnata costantemente in sinergia con enti e agenzie formative del territorio nella sua azione di educazione e formazione.

Una scuola svalorizzata dai politici, sbeffeggiata sul web, perde identità  e ciò è ancor più grave in un momento in cui l’emergenza sociale è costituita dall’allarmante fenomeno della dispersione scolastica. Auspichiamo che i rapporti tra le istituzioni siano sempre improntati al rispetto dei valori fondanti di una società  civile, garante dei principi essenziali della nostra Carta costituzionale.

La Scuola di Cerignola resta sempre unita.

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x