Nasce Line O Type, il periodico di arte e cultura

Non sarà  più un problema, per gli abitanti delle province di Foggia e Bari, approvvigionarsi di fresche notizie culturali e farne il pieno mai con una facilità  mai vista. E’ appena uscito in free press il numero zero del periodico d’arte e cultura Line O Type, nuova creatura partorita dalle mani dell’associazione Federico II Eventi a cura di Vallisa editore.

 
Il centro irradiante parte da Vallisa, in quel di Bari, dalle quiete navate di un santuario convertito a centro culturale, retto dal musicista e prelato mons. Antonio Parisi, patrono dell’associazione omonima.

Un’idea in controtendenza, che nasce con una precisa caratteristica : il formato cartaceo. In un epoca in cui le notizie viaggiano alla velocità  dei cicloni tropicali in un mare immateriale quale è il web, si avvertiva da tempo un giornale da toccare con mano, tangibile urna di sapere scevro da cronaca nera e frivolezze varie, che sostituisse l’impersonalità  del contatto della tastiera con la convivialità  della lettura nei luoghi condivisi. Ragion per cui la distribuzione, gratuita in tutto e per tutto, sarà  estesa nei principali luoghi pubblici di 19 paesi, con una tiratura pari all’inserto pugliese della Repubblica, calcolata sulle 15 mila copie, tanto per iniziare, andando alla conquista anche di posti dove per molti la cultura sembrerebbe malvista, come i pub, luoghi dove i più giovani potrebbero ricevere, da ora in poi, il battesimo dell’arte.

Proprio i giovani del liceo artistico di Cerignola, guidati dai loro docenti e dalla dirigente scolastica Giuliana Colucci, hanno potuto ricevere le prime copie distribuite in terra di Cerignola durante la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa alla cioccolateria Bramo, la mattina del 10 ottobre scorso. Luogo scelto non a caso, data la fervida collaborazione fra il maestro pasticciere Tommaso Perrucci e l’artista barese Miguel Gomez, body artist nonchè presidente della Federico II coadiuvato da Cinzia Del Corral. Ragazzi allietati anche dalle arti culinarie del maestro Perrucci, il quale durante l’evento ha offerto in anteprima assaggi della sua nuova creazione, una torta intitolata Pietro Mascagni, di cui ci limitiamo a svelare, per instillare il desiderio ai futuri avventori di recarsi per la prova diretta, che gli ingredienti del dolce sono dedicati alla celebrazione dei diversi momenti della vita del compositore celebre per la Cavalleria Rusticana, fra le tante opere.

Il direttore, l’esperto musicale Carlo Chicco, non esita a definire il neonato periodico un viatico alla collaborazione orizzontale fra gli appassionati e gli operatori dell’arte, come qualcuno direbbe, una piattaforma dove uno vale uno. Infatti, gli annunci pubblicitari saranno per principio limitati al minimo, per impedire di togliere spazio all’estro dei collaboratori presenti e futuri.

Rincara la dose Miguel Gomez, dichiarando guerra ai grandi media settoriali responsabili dello svilimento dell’arte ai fini commerciali, non tralasciando uno degli obiettivi principali del progetto : dare voce agli artisti emergenti, con un appello finale agli allievi del liceo artistico di prestare la propria collaborazione. Oggi il mercato dell’arte è diventato un business, che non guarda ai giovani e guarda al di là  della qualità  e bellezza delle opere. L’arte ha bisogno di una scuola, di regole e percorsi ben precisi, accompagnati da insegnanti validi. Ogni artista ha bisogno, innanzitutto, di comunicazione ha concluso Gomez, reduce da una sortita vittoriosa alla Biennale d’arte di Bari, la Bibart, che nella prossima edizione vedrà  un contributo più marcato da parte di Cerignola, attraverso la realizzazione del trofeo da parte degli allievi del liceo artistico.

Enrico Frasca
 
 

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x