Centrale operativa di videosorveglianza, 4 inaugurazioni in 9 anni

La storia, mista a leggenda, narra che Mussolini per convincere Hitler della forza militare italiana diede ordine di far spostare le stesse navi nelle diverse città  visitate dal Fuhrer per impressionarlo favorevolmente sulla competitività  dell’apparato bellico fascista.

 

Come il Duce, così Franco Metta inaugura “ per la seconda volta da quando è sindaco, per la quarta nella storia di Cerignola, la stessa identica Centrale Operativa. Il progetto nacque con Matteo Valentino, tra il 2006 ed il 2007, salvo poi naufragare sotto i colpi del commissario prefettizio “ che annullò la convenzione con AC Foggia- e della carenza cronica di personale da dedicare alla struttura più all’avanguardia del Mezzogiorno. Terminato anzitempo il mandato, nel 2009, la Centrale Operativa rimase chiusa. Nel 2010 arrivò Antonio Giannatempo: un anno dopo il nuovo taglio del nastro.

Ventotto occhi elettronici puntati sui punti nevralgici della città : ospedale, villa comunale, scuole, corso Aldo Moro (dotato anche di pilomato, rimasti nel sottosuolo).

Così l’allora assessore alla sicurezza Franco Reddavide: A nostra disposizione abbiamo ora un importante strumento di prevenzione e repressione del crimine in una città  poco incline al rispetto delle più elementari norme di convivenza civile. Al taglio del nastro l’ex sindaco Antonio Giannatempo commentò soddisfatto: Avevamo detto che era nostra intenzione dar battaglia a chi, scientificamente, si muove per sfregiare l’immagine della nostra città  con azioni criminali. Lo stiamo facendo con i fatti, in un contesto difficile, nel quale ribadiamo la richiesta ai cittadini di collaborare maggiormente, se vogliamo ancora bene a Cerignola.

Ma non finisce qui. Perchè Franco Metta già  qualche mese fa aveva parlato della nuova riattivazione della Centrale Operativa, addirittura andando a scovare “ raccontava dal suo profilo Facebook- quell’ idiota che scorrazzava contromano su viale Aldo Moro. Oggi arriva la quarta inaugurazione della stessa centrale nata a ridosso del 2006/2007. I cicognini integralisti esultano: Merito di Delvino perchè Infatti è grazie alla sua seria professionalità  che Cerignola può vantare di un sistema di vigilanza e sorveglianza all’avanguardia se non tra i migliori in Puglia , ma certamente nella provincia di Foggia.

Colpito da amnesia, oltre al PD locale (guai a parlare di Valentino), anche Federazione Civica di Ale Frisani che parla in una nota stampa di nuova centrale operativa. Sarebbe bastato chiedere al suo diretto superiore,  Rino Pezzano, che in quegli anni era assessore ai servizi sociali di Matteo Valentino ed oggi lo è di Metta, per capire che di nuovo una struttura vecchia di 10 anni ha poco. Sembra una prassi, quella di inaugurare cose già  inaugurate. Al morbo non resiste nemmeno l’assessore Pia Zamparese, che ha inaugurato il mese scorso il parco Baden Powell, nato e chiaramente già  passato dal taglio del nastro lo appena sei anni fa,  il 3 ottobre 2010.
 

 
 
 

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x