Black Land, carotaggi: elevata presenza di carbonio. Urge bonifica

I dati acquisiti durante l’esecuzione della consulenza tecnica, i risultati analitici ottenuti sui campioni analizzati e le valutazioni sin qui espresse, consentono al consulente tecnico di esprimere le seguenti conclusioni.

 

I siti oggetto di indagine, su indicazione della Polizia Giudiziaria, sono stati: a. Agro di Ordona, Loc. Cavallerizza, proprietà  Ciaffa Michelina; b. Agro di Ordona, Loc. Cavallerizza, proprietà  Ciaffa Gerio; c. Agro di Cerignola, Loc. Cavallerizza, proprietà  Pelullo Antonio; d. Agro di Apricena, proprietà  Società  Agricola Castel Pagano srl; e. Agro di Ordona, Loc. Cavallerizza, proprietà  Ciaffa Carmela. In ognuno dei siti sopra indicati sono state eseguite attività  di scavo, prelievo ed analisi di campioni. In ognuno dei siti sopra indicati sono stati rinvenuti rifiuti interrati. Le tipologie dei rifiuti interrati rinvenuti sono tre: a. Rifiuti Solidi Urbani non differenziati, freschi, interrati da poco e per i quali il processo di decomposizione non è ancora o è appena iniziato. b. Rifiuti Solidi Urbani in avanzato stato di decomposizione; sono sostanzialmente Rifiuti Solidi Urbani interrati da più tempo (almeno da più di tre mesi), di aspetto nerastro ed estremamente maleodoranti. Sono caratterizzati dalla presenza di valori di TOC (Carbonio Organico Totale) elevati e quindi, dopo la bonifica andrebbero smaltiti destinandoli a idonei e autorizzati impianti di trattamento termico. c. Terreni e sabbie a contatto con le predette due tipologie di rifiuto: presentano valori analitici superiori ai limiti delle Concentrazioni Soglia di Contaminazione (CSC) per i siti ad uso commerciale e industriale, in alcuni casi, e per i siti ad uso verde pubblico, in tutti i campioni analizzati. L’inquinamento presente in tali terreni è stato determinato dallo scarico e dall’interramento delle due tipologie di rifiuto precedentemente descritte.

In tutti i siti oggetto di indagine, per quanto sopra, è necessario procedere alla bonifica, rimozione e smaltimento dei rifiuti presenti, destinandoli a discariche per rifiuti non pericolosi o impianti di trattamento termico, secondo quanto dettagliatamente specificato al capitolo precedente. Le quantità  stimate di rifiuti presenti, per ognuno dei siti di indagine, sono le seguenti: a. Agro di Ordona, Loc. Cavallerizza, proprietà  Ciaffa Michelina: 7.500 m3 – 10.000 tonnellate; b. Agro di Ordona, Loc. Cavallerizza, proprietà  Ciaffa Gerio: 205.000 m3 – 270.000 tonnellate; c. Agro di Cerignola, Loc. Cavallerizza, proprietà  Pelullo Antonio: 12.000 m3 – 15.000 tonnellate d. Agro di Apricena, proprietà  Società  Agricola Castel Pagano srl: 500 m3 – 700 tonnellate e. Agro di Ordona, Loc. Cavallerizza, proprietà  Ciaffa Carmela 1.500 m3 – 2.000 tonnellate

L’interramento di rifiuti nei siti oggetto di indagine è stato effettuato in zone che non avrebbero potuto e dovuto essere adibite a ciò, non essendo assolutamente idonee allo scopo e peraltro immediatamente adiacenti a zone agricole coltivate. Tutte le considerazioni precedentemente elencate portano alla necessità  di dover provvedere in tempi rapidi alla bonifica dei luoghi, onde limitare l’impatto ambientale derivante dallo stazionamento ulteriore dei rifiuti in situazioni assolutamente non idonee.

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x