L’ennesima balla sulla mensa: la prova che inchioda Metta

|_REPLICA | Il titolare della ditta Ladisa, confermando l’impegno preso con l’amministrazione, ha dichiarato al capogruppo del Cambiamento ed al Sindaco di aver diffidato il giornalista Cirulli per aver diffuso notizie equivoche e non veritiere. Così dice Loredana Lepore in una nota stampa diffusa in mattinata.

La capogruppo informa di aver da giorni contattato la ditta in proroga al servizio mensa, al fine di avere chiarimenti in merito ad ‘eventuali’ discordanze tra quanto dichiarato in data 23 novembre nel corso del consiglio comunale e quanto riportato dalla stampa dopo qualche giorno””. Ossia Ladisa prima avrebbe detto di voler trasferire il centro cottura, e dopo due giorni, attraverso queste colonne, ha dichiarato di volerne aprire un altro e che quello attuale in zona industriale  resta dov’è. Secondo la Lepore, Sebastiano Ladisa ci avrebbe diffidati per contenuti “”equivoci e non veritieri””. Noi non ne sappiamo nulla: che arrivi o no è ininfluente. Perchè, quando abbiamo intervistato il patron della ristorazione pugliese abbiamo ricevuto una sola prescrizione: intervista scritta e non telefonica. Quindi la dichiarazione rimane agli atti nero su bianco. Lepore, nell’insolita veste di addetto stampa di Ladisa, e Metta “ probabilmente (ma non è certo) imbeccati da Ladisa- ancora una volta raccontano balle. Troppo rapida l’esultanza di Metta: Lo hanno imparato anche a Bari. Bugiardo doc. Ossessionato. Ecco la prova dell’ultima menzogna, che lo inchioda.
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x