Roghi&rifiuti, droni sulle campagne. Cerignola si affida ai (pochi) cittadini


Roghi nelle campagne

Da Orta Nova la buona notizia: il Prefetto, ai sindaci dei 5 Reali Siti recatisi a Foggia per parlare del problema “roghi”, ha promesso l’utilizzo di droni e l’intensificazione dei controlli notturni. Da Cerignola invece arriva la cattiva notizia: a riunirsi, in piazza, per iniziare ad affrontare il problema sono stati circa dieci cittadini alternatisi durante il pomeriggio di ieri.

Stornarella. Dapprima la denuncia del circolo locale di Forza Italia, a firma di Valerio De Angelis, con un esposto in Prefettura, poi l’appello del sindaco Colia, che ha chiamato a raccolta i sindaci del Basso Tavoliere (Reali Siti e Cerignola) per azioni condivise.



L’incontro in Prefettura. I sindaci dei 5 Reali Siti sono stati ricevuti presso la Prefettura di Foggia per un incontro col Prefetto Raffaele Grassi. Importanti decisioni, con un documento condiviso che impegna lo Stato ad essere più presente con controlli in notturna, anche con l’utilizzo di droni.

Lasorsa da Orta Nova: “Siamo arrabbiati”. Il sindaco Mimmo Lasorsa commenta: “Proviamo rabbia e disgusto per chi, ogni sera puntualmente, mette a rischio la salute ambientale del nostro territorio. Ma vi assicuriamo che sono settimane che insieme ai sindaci dei Reali Siti stiamo lavorando in maniera compatta per trovare una soluzione ad un problema che attanaglia l’intera provincia di Foggia. In ultimo abbiamo incontrato il prefetto di Foggia, qualche giorno fa, che ha invitato anche le forze dell’ordine e la guardia di finanza per discutere insieme di tutto questo. Il prefetto ci ha garantito che cominceranno i controlli notturni anche attraverso droni che avranno il compito di scovare chi non rispetta le regole all’interno del nostro paese. In più cominceremo una serie di incontri di sensibilizzazione per far capire, soprattutto agli agricoltori, che metodi alternativi di smaltimento degli scarti agricoli ci sono. Siamo arrabbiati quanto voi ma vi garantiamo che non siamo fermi, anzi costantemente siamo in contatto con tutte le autorità competenti. Non è un fenomeno semplice da debellare ma ci riusciremo”.



Foggia. Anche nel capoluogo, ieri sera, un forte tanfo ha avvolto la città. Nei giorni scorsi si è registrato l’impegno della ADCUA di Walter Mancini, presente al tavolo convocato dalla Prefettura: “Invitiamo i cittadini a inviarci le segnalazioni”, è l’appello del presidente dell’associazione.

Pochi cittadini a Cerignola

Cerignola. La protesta è affidata ad un gruppo di donne che, orfane dell’impegno dell’amministrazione, hanno convocato una riunione in Piazza della Repubblica per studiare soluzioni al problema. Scarsa la partecipazione: “La nostra è una provocazione per parlare del problema. Non ci aspettavamo di risolvere il problema, ma questo è solo un inizio per trovare soluzioni, non ci fermeremo”. Tra di loro Antonella Catucci, che ha dato avvio ad una campagna social al motto di “Cerignola puzza di morte” e Maria Sciscio, già protagonista della manifestazione di piazza contro i cattivi odori causati dal cattivo funzionamento del depuratore, poi sequestrato.

Michele Cirulli



Seguici e condividi i nostri contenuti
Facebook
Facebook
Twitter
YouTube

2
Commenta questo articolo

più nuovi più vecchi più votati
Cittadino

Pochi cittadini? Ma come è stata organizzata questa manifestazione? Nessuna informazione a riguardo è stata divulgata per un problema grandissimo più volte anche da me segnalato ai VVFF, in quanto ogni sera al ritorno da lavoro notavo colonne di fumo nei dintorni della città, ma sempre in direzioni opposte. Chiaramente tutto pianificato, forti della certezza che male che vada non faranno un giorno di galera e non pagheranno un cents di danni poichè nullatenenti.

Cittadino

Comunque il mio ringraziamento, indipendentemente dall’esito della manifestazione va a quelle donne che hanno organizzato e presidiato la manifestazione di protesta.