Omicidio Orta Nova, mons. Ciollaro: “Preoccupato per quello che potrebbe succedere”

Omicidio Orta Nova, mons. Ciollaro: "Preoccupato per quello che potrebbe succedere"

Dopo i fatti di sangue di Orta Nova, il vescovo della Diocesi di Cerignola – Ascoli Satriano, mons. Fabio Ciollaro, manda un messaggio ai fedeli ed esprime preoccupazione per il delicato momento vissuto dalla comunità ortese.

“Sono addolorato- esordisce il vescovo- per quello che è accaduto a Orta Nova. Sono preoccupato per quello che potrebbe succedere. Rifletto sulla radice occulta di questi fatti brutali. Vedo segnali continui dell’alta concentrazione di criminalità nella nostra zona e considero ciò che è scritto nella recente relazione della DIA sulla “mafia degli affari” subdolamente infiltrata nei più importanti segmenti economici”.  

“L’omicidio, in pieno giorno, a pochi metri da casa, di Gerardo Tammaro, padre del ventiseienne accusato di aver sparato ad Andrea Gaeta, porta a pensare subito ad un gesto di vendetta, e fa ripiombare l’operosa Orta Nova in un clima di tristezza e di timore. Mentre assistiamo sconcertati alla guerra fra Russia e Ucraina, vediamo accendersi la miccia pericolosa di un’altra guerra che potrebbe scoppiare in mezzo a noi. La miccia va spenta prontamente”, dice mons. Ciollaro.

“Se davvero i due fatti di sangue sono collegati tra loro, dobbiamo ricordarci che la vita del giovane Andrea non torna indietro in questo modo, anzi il tormento cresce. Lui stesso, se potesse parlare, direbbe: fermatevi! Ricordatemi con gesti di amore, di generosità, di riparazione cristiana. E ugualmente dice il povero Gerardo a voi familiari. L’odio distrugge e non dà pace né ai vivi né ai morti. Prego per le anime dei due defunti. Prego per la conversione dei cuori”, conclude mons. Ciollaro.


0 0 votes
Article Rating

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Commenta questo articolox