Cerignola, 11 lavoratori in nero scovati dalla GdF


11 lavoratori “in nero” sono stati scoperti dalla Guardia di Finanza di Cerignola nel corso dei controlli effettuati nei giorni scorsi. Le attività ispettive hanno riguardato 10 aziende operanti nella ristorazione e nella somministrazione di bevande, 5 delle quali sono risultate non in regola. Le posizioni lavorative esaminate sono state 39, tra cui quelle relative ad un ristorante – pizzeria della città in cui 6 degli 8 lavoratori presenti sono risultati privi di assunzione e di qualsiasi forma di tutela per la loro sicurezza.

Nei confronti del ristorante in questione e di altre tre attività commerciali sono state irrogate sanzioni amministrative per più di 37.000 euro. E’ stata, inoltre, avanzata all’Ispettorato del Lavoro proposta di sospensione dell’esercizio avendo impiegato più del 10% dei dipendenti in nero. I titolari dovranno anche provvedere alla liquidazione della contribuzione previdenziale ed assicurativa evasa, alla regolarizzazione ed alla ricostruzione dei rapporti di lavoro irregolari.

Nel corso del medesimo piano ispettivo, il reparto ha eseguito 77 controlli in materia di scontrini, ricevute, memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi nei Comuni di Cerignola, Ascoli Satriano, Stornara, Stornarella, Candela e Rocchetta Sant’Antonio, riscontrando 24 violazioni. Anche i controlli tesi a garantire il rispetto della normativa sui prezzi dei carburanti per autotrazione hanno portato alla contestazione di violazioni nei confronti di 8 distributori stradali. I controlli proseguono con mirate attività volte a contrastare tutte le forme di illegalità economico – finanziaria ed il lavoro sommerso, un illecito che danneggia le aziende rispettose delle regole e priva i lavoratori di certezze sulla stabilità e sui diritti relativi al rapporto d’impiego.


0 0 votes
Article Rating

9 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
unonessunocentomila
10 giorni fa

E magari prendono pure il RDC ( reddito di cittadinanza) .
Nulla in contrario per il RDC purchè sia dato ai bisognosi e non abili al lavoro.
Per tutti gli altri no.
E per chi assume i lavoratori agevolazioni fiscali specie in questo periodo buio per la ns. economia.
Questo è il mio pensiero , gli altri dicano la loro.

Il Cittadino
10 giorni fa

È tutti quei pulir che stanno dalla mattina e la sera sulle scale del duomo vai a vedere che prendono il reddito di cittadinanza, speriamo che lo tolgono questo caxxxo di reddito di cittadinanza e tutti questi alzano il culo e vanno a lavorare.

Il cittadino 2
10 giorni fa
Reply to  Il Cittadino

Togliamo anche 110% sulle ristrutturazioni degli immobili ? Sai quanto è costata questa legge? 32 miliardi di euro! Sai che una sola persona ha truffato 700 milioni di euro con lavori mai fatti? Sai quanti hanno gonfiato il prezzo dei lavori intascndosi i soldi? I mprese, costruttori, proprietari, banche, sai quante persone stanno rubando? Come mai non ne parlano? Perché I ladri sono quelli con il colletto bianco, costruttori ecc ecc.! Sai quanto costa il reddito di cittadinanza? 8 miliardi ! Fa comodo aizzare e mettere la povera gente gli uni contro l’altro, mentre le TV ( Mediaset) tacciono sull… Leggi il resto »

Concervello
9 giorni fa
Reply to  Il cittadino 2

Ma questo discorso vale anche per il 110%. Non è una norma sbagliata ma va utilizzata con i giusti controlli sia amministrativi che tecnici. Gli stessi controlli vanno fatti sull’operato dei dipendenti e dei manager pubblici che sono la causa dell’inefficienza dell’apparato statale : sai quanti stipendi vengono percepiti indebitamente?? TI faccio solo un esempio, ora è iniziata la scuola: bisognerebbe vietare a chi fa il professore di svolgere attività professionali extra scolastiche. A un dipendente privato non sarebbe possibile assentarsi dal posto di lavoro o non svolgere correttamente il proprio lavoro per andare a lavorare su altri cantieri o… Leggi il resto »

Ospite
6 giorni fa

Cioè, i responsabili sono i titolari delle aziende coinvolte ed il tuo primo pensiero è per il RdC!?

San Samuele
6 giorni fa
Reply to  Ospite

È uno…… che prima si firmava Tenaglia Kid. Adesso ha cambiato firma con unonessunocentomila, ma scrive e dice sempre le stesse ca…te!

Michel
10 giorni fa

Il fatto è che a volte da chi devono andare in vanno.
Vi faccio un esempio: via di Vittorio!
Da anni spadroneggia tale Massimin U pacc che abusivamente vende e sistema orologi. E da quella bestia di s….na mai nessuno è andato.
Poi si va dal venditore di mele che fa tutto per 15€ al giorno. Se si devono fare i controlli si facciano per bene.

Alessandro
10 giorni fa
Reply to  Michel

Minimizzare l’illegalità come fai tu e la cosa più sbagliata che si possa fare. In viale di Levante quelli che tu chiami venditori di mele da 15 euro al giorno sono diventati dei veri e proprio posti fissi abusivi. Altro che 15 euro al giorno. C’è ne almeno 7 di questi venditori che danneggiano gli operatori commerciali in regola che pagano affitto e tasse comprese e che sono in regola. Fanno concorrenza sleale agli operatori in regola che dovendo pagare le spese devono vendere il loro prodotto più caro e di conseguenza fuori mercato. Mi fermo qua lasciando perdere l’aspetto… Leggi il resto »

Michel
10 giorni fa
Reply to  Alessandro

Hai ragione carinissimo. Condivido e il mio era anche un po’ sarcasmo. Ma quel pazzo che fa 4/5 anni si è impadronito della sistemazione di orologeria in modo del tutto illecito come mai non è mai stato controllato? Via di Vittorio = pieno centro cittadino.
Alla luce del sole. Come i venditori di mele si. Giusto anche questo.

9
0
Commenta questo articolox