Italia, semifinale al cardiopalma: l’ultimo scoglio è di nuovo la Serbia


Al termine di una partita durissima e emozionante, l’Italia porta a casa la semifinale sconfiggendo al tie-break una grandissima Turchia. L’avversaria in finale sarà ancora una volta la Serbia che, nell’altra semifinale, ha nettamente battuto la Polonia 3-0 (25-21; 25-15; 25-20). Dal punto di vista tecnico, non è stata la migliore prova della squadra di Luca Pieragnoli, tanto che solo per alcuni tratti del secondo e del terzo set le azzurrine sono state in grado di mostrare le proprie qualità. Ciò che è mancato dal punto di vista del gioco è stato però colmato con la grinta, venuta fuori nel tie-break. Ancora una volta decisivo è stato il pubblico del Pala Tatarella, una vera bolgia che ha spinto senza sosta il team di casa.

1 set: partenza decisa della Turchia (5-10), l’Italia reagisce e si porta sul 14-14. Il nuovo allungo turco (16-19) si rileva infine decisivo: è 23-25 per le nostre avversarie. 2 set: subito Italia sul 4-0. Parziale di 3-8 e Turchia avanti. Le azzurrine si svegliano: 12-8, ma le turche non mollano: è 13-13. Sul 15-13, il coach turco Mustafa Doganci si infuria con le proprie giocatrici per un muro subito che vale il 16-13 e scaraventa per terra la propria cartellina, che va in mille pezzi. Il pubblico non gradisce per nulla e l’arbitro lo ammonisce. L’Italia dilaga e si aggiudica il set 25-17. 3 set: è la Turchia a rompere l’equilibrio iniziale (6-8 al primo time out). Dal 10-10 in poi è lotta punto a punto fino al 22-21, quando le ragazze di Luca Pieragnoli accelerano e si impongono 25-21. 4 set: si inizia con le turche aggressive (3-7). Il team di casa non sembra capace di reagire, il divario si allarga: è 17-25 Turchia. Si va al tie-break. 5 set: le due squadre non si risparmiano, si va al cambio di campo sul 7-8 per la Turchia. La lotta è durissima, ma le azzurrine la spuntano: 15-12, è finale! Top scorer è la turca Melisa Bükmen (19 punti). Da segnalare anche le prove di Derin Taşdemir (15 punti) e di Karmen Aksoy (14 punti). Sul versante italiano, spicca la solita Loveth Omoruyi con 16 punti. Emma Cagnin realizza 14 punti, Giorgia Frosini e Emma Graziani ne mettono a segno 13 a testa. Domenica 17 luglio, al Pala Tatarella di Cerignola, sono in programma i due match per le medaglie: alle ore 17, la finale per il terzo e il quarto posto vedrà la Polonia opposta alla Turchia; alle ore 20, Italia e Serbia si affronteranno per il titolo europeo.

Giovanni Soldano.


0 0 votes
Article Rating

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Commenta questo articolox