Puglia: in arrivo le dimissioni di Lopalco

Marchiodoc - Lopalco
Marchiodoc – Lopalco

C’è un terremoto che sta per colpire la giunta regionale pugliese. L’assessore alla Salute, il professor Pierluigi Lopalco, ha comunicato nei giorni scorsi al presidente della Regione, Michele Emiliano, le sue dimissioni dalla squadra di governo. Emiliano gli ha chiesto di pensarci ancora per una decina di giorni ma Lopalco non sarebbe intenzionato a fare alcun passo indietro: “La decisione è presa”, ha detto alle persone a lui più vicine, e già nelle prossime ore dovrebbe ufficializzare la sua decisione.

Le dimissioni arrivano per motivi politici: Lopalco contesta a Emiliano di non condividere con lui le scelte, anche quelle più strategiche, in tema di sanità. Di scavalcarlo nel rapporto con le Asl, con le Agenzie e, soprattutto, con i suoi stessi uffici. Di non permettergli, insomma, di fare il suo mestiere di assessore come vorrebbe. Ci sarebbero stati un paio di episodi cruciali, dopo i quali Lopalco ha maturato questa decisione. Il professore di Epidemiologia non lascia però la politica. Resterà in consiglio regionale, dove è stato eletto con 14.500 preferenze con la lista Con.

La decisione di Lopalco, evidentemente, ha un fortissimo valore politico. Perché a lui Emiliano – da consulente esterno – si era affidato nelle due fasi della pandemia: il profilo tecnico e scientifico dell’epidemiologo (docente universitario, prima a Pisa, ora a Lecce, dopo dieci anni a Stoccolma nel Centro europeo per la prevenzione ed il controllo delle malattie, dove è stato capo del programma per le malattie prevenibili da vaccino) ha accompagnato e aiutato il Governatore in tutte le sue scelte.

La scelta del professore di lasciare in un momento in cui le Asl si devono preparare alla campagna di somministrazione della terza dose assume, evidentemente, un significato ancora più cruciale.





0 0 votes
Article Rating
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Torna a casa doc
7 mesi fa

Dottore, torni alla scienza, la politica in Italia non ha nulla a che vedere con il bene pubblico.

1
0
Commenta questo articolox
()
x