Gelate nelle campagne: “Chiesto stato di calamità, ora tocca al Ministero”

“In tempi rapidissimi la Giunta della Regione Puglia ha formalmente richiesto al Ministero delle Politiche Agricole di dichiarare lo stato di calamità per le gelate che ad aprile 2021 hanno devastato le campagne cerignolane”, fa sapere la vicesegretaria del Partito Democratico di Cerignola.
“Grazie alle sollecitazioni del Partito Democratico di Cerignola ed ai nostri rappresentanti regionali, la Giunta Regionale ha rapidamente messo in atto le procedure che hanno portato a deliberare lo stato di calamità per l’intero territorio comunale e che consentirà a chi ha subito danni di accedere al Fondo di Solidarietà Nazionale.
Le campagne di Cerignola sono state duramente colpite da quelle gelate che, oltre a provocare ingenti perdite per il comparto ortofrutticolo, hanno compromesso in maniera importante l’intera economia cittadina”.

“Sono molto soddisfatta del lavoro svolto – continua Dibisceglia – perché, quando con altri esponenti del Partito Democratico di Cerignola ho incontrato gli agricoltori nei giorni immediatamente successivi alle gelate, ho visto nei loro occhi la disperazione di chi aveva perso il frutto del proprio lavoro.
Ringrazio i consiglieri regionali del Partito Democratico che hanno immediatamente accolto le nostre richieste di intervento, sottoponendo la questione all’Assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia. Ancora una volta, il Partito Democratico ha dimostrato quanto sia importante la filiera di partito e quella istituzionale”.

“Colgo l’occasione per ribadire la richiesta già fatta alla Commissione Straordinaria di Cerignola affinché vengano al più presto distribuiti i fondi messi a disposizione dalla Regione Puglia per i danni causati dalle gelate del 2018”.

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Gianmarco
17 giorni fa

Voglio ringraziare a quei ragazzi a Maria di Bisceglia soprattutto che sono venuti a Tressanti e ci hanno aiutato
Grazie

error: Marchiodoc.it ®
1
0
Commenta questo articolox
()
x