Cerignola, raffica di arresti: 6 persone in manette

I carabinieri della Compagnia di Cerignola, nel corso dei controlli ad alto impatto svolti nei giorni scorsi nel territorio di competenza, hanno arrestato sei persone, di cui tre in flagranza di reato ed altrettante in esecuzione di provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria. I militari hanno svolto attività di contrasto allo spaccio ed all’utilizzo di sostanze stupefacenti nonché di monitoraggio della sicurezza stradale.

A Cerignola, i militari della locale Stazione carabinieri hanno arrestato in flagranza per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 52enne con precedenti penali. Lo stesso, che si trovava sottoposto agli arresti domiciliari, durante una perquisizione presso la sua abitazione è stato trovato in possesso di 5 involucri contenenti complessivamente 215 grammi circa di cocaina, un involucro contenente 32 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e la somma di 975 euro in contanti suddivisa in banconote di vario taglio, ritenuta provento di attività di spaccio. Il tutto è stato sottoposto a sequestro e per il 52enne, dopo gli adempimenti di rito, si sono aperte le porte del carcere di Foggia. Dopo la convalida dell’arresto, il Gip del Tribunale di Foggia ha disposto nei confronti del 52enne l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari.

Nell’ambito delle attività di contrasto allo spaccio ed all’uso di sostanze stupefacenti svolte nelle scorse settimane, i carabinieri della Compagnia di Cerignola hanno inoltre denunciato 5 persone per detenzione illegale di sostanze stupefacenti e ne hanno segnalate altre 15 alla Prefettura di Foggia per uso personale di droghe.

I carabinieri della Stazione di Cerignola hanno inoltre arrestato un 35enne cerignolano, con precedenti penali, poiché raggiunto da una ordinanza di detenzione domiciliare emessa dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Bari, dovendo lo stesso espiare la pena residua di 1 mese e 27 giorni di reclusione per i reati di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, commessi a Cerignola nel 2018. Dopo le formalità di rito, il 35enne è stato sottoposto alla detenzione domiciliare presso la propria abitazione.

È stato invece associato al carcere di Foggia un 47enne di Cerignola, già noto alle forze dell’ordine, raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Sulmona (AQ) in sostituzione della misura cautelare dell’obbligo di dimora a Cerignola a cui l’uomo era stato precedentemente sottoposto per furto e tentato furto in concorso commessi a Sulmona ad ottobre 2020. Il provvedimento del Gip di Sulmona è scaturito dalle violazioni alle prescrizioni imposte al 47enne, accertate e segnalate all’Autorità Giudiziaria dai militari della Stazione Carabinieri di Cerignola.

I carabinieri di Stornarella hanno arrestato in flagranza di reato per atti persecutori un 63enne, sorpreso mentre si trovava nei pressi dell’abitazione della sua ex compagna, minacciandola affinché riprendessero la loro relazione sentimentale. La donna, che aveva già sporto denuncia per lo stesso reato contro il 63enne, ha riferito ai militari pregressi episodi di molestia e minaccia che le avevano cagionato un perdurante e grave stato di paura e preoccupazione per la propria incolumità. Dopo le formalità di rito, l’uomo, su disposizione della Procura della Repubblica di Foggia, è stato associato al carcere del capoluogo dauno.

Ad Anzano di Puglia, i carabinieri della locale Stazione hanno arrestato in flagranza per il reato di evasione un 29enne del posto, con precedenti penali. L’uomo, che si trovava agli arresti domiciliari per il reato di rapina commessa ad Anzano di Puglia nel dicembre 2019, è stato sorpreso alcune notti fa dai carabinieri mentre si trovava, senza autorizzazione, all’esterno della propria abitazione. Bloccato e dichiarato in arresto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari. Dopo il giudizio con rito direttissimo, il 29enne è stato condannato alla pena di 8 mesi di reclusione, pena sospesa.

I carabinieri di Ascoli Satriano hanno arrestato un 51enne del posto, con precedenti penali, poiché raggiunto da un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Foggia, dovendo lo stesso espiare la pena residua di 2 anni, 3 mesi e 20 giorni di reclusione per il reato di violenza sessuale, commesso nel 2015. Dopo le formalità di rito, il 51enne è stato associato alla casa circondariale di Foggia.

In tema di sicurezza stradale, i militari della Compagnia di Cerignola, dall’inizio del mese, hanno sequestrato 23 veicoli poiché privi di copertura assicurativa, hanno sanzionato 7 conducenti per guida senza utilizzo del casco, altri 23 per utilizzo del telefono cellulare durante la guida, 85 persone per mancato utilizzo della cintura di sicurezza, hanno denunciato 5 persone per guida reiterata senza patente ed elevato 2 sanzioni amministrative per guida senza patente. Altre 4 persone sono state denunciate in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Foggia per porto illegale di armi od oggetti atti ad offendere.

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x