Centrodestra, corsa a due (o anche a tre): verso la scissione

Centrodestra, corsa a due (o anche a tre): verso la scissione

Centrodestra di Cerignola in alto mare per l’individuazione del candidato sindaco della coalizione per le prossime elezioni amministrative autunnali. Al momento i blocchi sarebbero due, con la possibilità di un ennesimo polo pronto a sfruttare gli spazi lasciati aperti sul tavolo delle trattative.

La parte più sostanziosa della coalizione, composta dai principali partiti (Fratelli di Italia e Lega), sostiene la candidatura di Gianvito Casarella, mentre il Forza Italia e UDC – più deboli da un punto di vista del consenso- sostengono la proposta di Antonio Grillo. Si tratta di una fase di stallo che si protrae da oltre un mese, anche se la possibilità di una scissione in queste ore si fa sempre più concreta.

Il partito di Zoraide Lasalvia, infatti, potrebbe abbandonare il tavolo delle trattative: l’Udc, infatti, contesterebbe i metodi scelti per arrivare all’individuazione del candidato sindaco e per questa ragione vira su Grillo al punto da poter correre in tandem con i forzisti. I berlusconiani, a loro volta, dovranno scegliere da che parte stare e con chi stare, atteso che pezzi importanti di Forza Italia – come Vitullo e Curiello- potrebbero non partecipare alla prossima tornata elettorale o supportare Metta.

Rimane alla finestra l’ex assessore Francesco De Cosmo, che in lista civica potrebbe aggiungersi alle due proposte di centrodestra.


0 0 votes
Article Rating
7 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
alberto
1 mese fa

ma dove vuole andare Grillo? anzi chi è grillo? prefissi telefonici alla ricerca di notorietà

Disantino
1 mese fa
Reply to  alberto

Vota disanto

Dividi et impera
1 mese fa

Ma hanno i mezzi e le competenze per poter scindere un atomo?
Di questo stiamo parlando.credo.

Artemisio Pallavicino
1 mese fa

Se si dividono sbagliano a vantaggio degli avversari. Casarella è la persona giusta che può correre a Sindaco, gli altri non hanno un grande consenso e disperderebbero i voti. Ci vuole saggezza e buonsenso.

Disantino
1 mese fa

Solo disanto può salvare questa città

giuseppina
1 mese fa
Reply to  Disantino

la salva se si toglie dai piedi definitivamente. Ha stancato il culto della sua persona, non lo vota nessuno.

Lorenzo Rubinetti
1 mese fa

Ahi, se fosse vero chi vincerebbe sarebbe il toro ferito e non la sinistra…

error: Marchiodoc.it ®
7
0
Commenta questo articolox
()
x