L’appello dei baristi: “Aiutiamoci, restate a Cerignola”

L'appello dei baristi: "Aiutiamoci, restate a Cerignola"

Un appello a restare a Cerignola e a rendere la “movida” locale più attrattiva. Così i baristi e i titolari di pub si uniscono in un appello in un momento in cui le limitazioni contro la diffusione del virus hanno colpito in maniera dura proprio le loro attività. Così Matteo Dagnese e Nicola Preziosa, titolari del Baraonda, si fanno portavoce dei loro colleghi: “Baraonda ,teku, bar Gorizia, Karma Café, Safara’, Modus viventi, pub Arcimboldo, i bar Plaza e Tiffany e tanti tanti altri locali sono tutti degni di ospitare e soddisfare tanta tanta gente… restiamo nella nostra Cerignola che ha tutte le potenzialità per essere uguale a tante altre città”.

Complici le buone temperature e l’allentamento delle misure restrittive, infatti, in molti si sono recati in città vicine per brevi “gite” fuori porta, o per aperitivi al volo. “E’ importante che i cerignolani rimangano nella nostra città, così potremmo organizzare anche noi una serie di attività, chiaramente nel rispetto di tutte le misure di sicurezza. Si potrebbe pensare anche di ‘accorciare’ gli orari, come nel primo pomeriggio, che per molti è off limits. Possiamo rendere Cerignola attrattiva per il tempo libero come succede negli altri paesi”, commentano Dagnese e Preziosa. Con loro, la quasi totalità dei bar e dei pub locali.

5 1 vote
Article Rating
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
nik
2 mesi fa

vi siete riempiti……..avete mangiato a 4 forchette……ora un po’ di dieta.

error: Marchiodoc.it ®
1
0
Commenta questo articolox
()
x