La delusione (e la lettera) dei vigili “esclusi” dal Vescovo: è polemica


La delusione (e la lettera) dei vigili “esclusi” dal Vescovo: è polemica

Scoppia la polemica tra i vigili urbani e il vescovo di Cerignola Luigi Renna. Pomo della discordia è stato l’arrivo del quadro della Madonna di Ripalta a Cerignola e una tradizione, quella secondo la quale sarebbero gli agenti della polizia locale a “scortare” l’effige, totalmente dimenticata da parte dell’autorità ecclesiastica. Per questo il corpo di Polizia Municipale ha inviato una lettera a Luigi Renna contestando la scelta di mantenere “top secret” l’evento, al quale ha potuto invece partecipare – per ordine pubblico- solamente la Polizia di Stato guidata dal vicequestore aggiunto Loreta Colasuonno.

La lettera

La missiva, che partiva da un moto d’orgoglio del corpo di polizia municipale, ha mandato su tutte le furie il vescovo Renna, il quale, per evitare assembramenti (di cui era già stato protagonista in prima persona) e di finire nuovamente tra le polemiche, aveva tenuto “nascosto” il ritorno in Duomo della patrona.





“È stato necessario mantenere il riserbo più totale sul trasferimento per evitare assembramenti che, pur manifestando la grande devozione del popolo cerignolano alla ‘Mamma nostra’, non sarebbero stati in linea con le norme vigenti e avrebbero potuto causare contagio”, aveva spiegato il prelato, protagonista, tra l’altro, insieme ad altri sacerdoti, di condotte contestate.

La tradizione

Generalmente, com’è noto, sono i vigili urbani a garantire il servizio d’ordine nelle fasi di passaggio dell’effige sacra dal Santuario sull’Ofanto alla Cattedrale e viceversa. Una pratica interrotta, senza preavviso, in tempi di emergenza Coronavirus. E proprio per questo monta la rabbia degli agenti che, attraverso una lettera sottoscritta da molti all’interno del comando, hanno stigmatizzato il comportamento di Renna.





Renna, raccontano stretti collaboratori, si è molto adirato tanto da telefonare al commissario prefettizio Umberto Postiglione per informarlo delle critiche rivoltegli dai vigili urbani guidati dal comandante Francesco Delvino. Attimi di tensione, in Curia, per un gesto ritenuto di scarso bon ton istituzionale; simile accusa che, a denti stretti, è stata sottolineata nella lettera indirizzata al vescovo stesso.

Incassata la polemica, il vescovo Renna – raccontano i suoi- dopo un momento di forte e comprensibile indignazione ha auspicato invano che la notizia sulla polemica coi vigili non trapelasse. Motivo per cui starebbe cercando di indire una messa in suffragio degli agenti municipali per ricomporre la situazione. Al di là delle colpe e delle ragioni, che sicuramente trovano posto sia nei comportamenti dei vigili che in quelli del vescovo, rimane il dato inequivocabile di un “miscuglio” che dal 2015 continua ad essere evidente, tra ammiccamenti ed eccessi di pretese, tra gli ambienti comunali e quelli ecclesiastici.

Michele Cirulli





5
Commenta questo articolo

più nuovi più vecchi più votati
Sanodimente

Vigili urbani pensate a fare bene il vostro lavoro che non è quello di presenziare a inutili processioni!!
Non avete proprio niente da fare???

il peccatore

Beh, hai ragione, invece di vigilare l’urbano che è nel caos più totale (ognuno fa quello che gli pare con le auto, motorini e biciclette) almeno vigilano l’extraurbano (nello specifico il quadro della Madonna di Ripalta), almeno vigilano qualcosa.

solidarieta' ai vigili di Cerignola

il vescovo Renna non poche volte calca i sentieri del fedele e devoto – a chiacchiere – ex sindaco Metta, si indigna istericamente per cosa? E’ vero, i vigili urbani hanno il diritto per consuetudine, diciamo così, di scortare il quadro della Madonna di Ripalta. Purtroppo chi pretende di conoscere la città rischia sempre di far danni. Questo vescovo, come l’altro predecessore, sebbene con alcune differenze, approccia alle nostre tradizioni surrogando tutto nella liturgia. E’ vero che non c’è tradizione senza liturgia, ma è anche vero che la tradizione può essere essa stessa un modo per avvicinarsi al vangelo. La… Leggi il resto »

Prega per noi

che delusione questo vescovo…
ormai tutti si lamentano di lui è assodato

il potatore

Ma i vigili urbani non hanno altro a cui pensare in questo periodo ? Queste polemiche fuori dalla realtà, con riporti a segni, liturgie e quant’altro, sono un ” non sense”. Certamente ci auguriamo che la prossima volta, la prossima festa, si ritornerà come prima e più di prima. Ma adesso, ognuno vigilasse su quanto devono vigilare. ( bar e ristoranti con le dovute prescrizioni, parcheggi abusivi su strisce pedonali e passaggi per disabili, distanze nei mercati e supermercati e altro. La madonna si protegge da sola, e poi, dove sta scritto che i vigili rappresentano la città? Io da… Leggi il resto »

error: Marchiodoc.it ®